Lettera Aperta a Valerio Federico (11-10-15)

Lettera Aperta a @ValerioFederico  (11-10-15)  #TagliandoCazzavillan

La lettera è stata seguita da un mio digiuno di dialogo terminato con la sua lettura da parte di Antonella Soldo alla terza giornata del comitato di Radicali Italiani. Questa è stata la nostra prima iniziativa volta a “farsi carico” delle sorti del partito.

Caro Valerio,

ti ringraziamo ancora di aver salutato la fondazione della nostra associazione e per questo chiediamo a te, e attraverso te al Comitato Nazionale di Radicali Italiani, di prendere in considerazione queste righe di semplici militanti (o militonti).

Tu giustamente ci esorti a farci carico delle sorti dell’Associazione di cui sei tesoriere (realtà a cui molti di noi sono iscritti) partecipando fisicamente al congresso.

Andiamo allora, a un anno di distanza dalla sua approvazione a rivedere la mozione approvata del 2014.

Mozione Generale del XIII Congresso di Radicali Italiani

http://www.radicali.it/comunicati/20141103/mozione-generale-del-13-congresso-radicali-italiani

Non vogliamo certo provare a fare un’analisi complessiva di una mozione molto articolata e integrata da ben 3 emendamenti, ma ci limitiamo a segnalare 2 punti:

 

1 già nella riunione tenuta da te all’inizio di quest’anno, per fare il punto sull’applicazione dell’emendamento “Strumenti di iniziativa popolare e referendaria per la rivoluzione liberale” quello che è emerso, nonostante questo sia stato votato da più di 2 terzi dell’assemblea, è stato che le associazioni locali, probabilmente anche molte di quelle che hanno votato a favore, poi di fatto non hanno sentito la necessità di portare avanti le tante iniziative da quell’emendamento previste.

In particolare in Lombardia mentre scriviamo dobbiamo notare che fra i tanti aderenti alla proposta di legge di iniziativa popolare sulla cannabis terapeutica c’è una sola, ripetiamo una sola, associazione locale

http://cannabisterapeuticalombardia.it/index.php/chisiamo/gli-aderenti/

2 possiamo dire che la gran parte delle realtà locali vicine a Radicali italiani vicine alla battaglia sul diritto alla conoscenza abbia a essa “dato corpo” in questi 12 mesi?

La sensazione è non solo che ci siano 2 parti che fanno fatica a parlarsi perché hanno obiettivi diversi ma che anche le singole parti poi facciano fatica a trasformare l’obiettivo teorico in militanza.

Come possiamo cambiare questo stato di cose?

Non lo sappiamo, per intanto chiediamo alla Segretaria, al Presidente, a te e al prossimo comitato di dare una risposta.

Nel caso non solo questa risposta ma persino questa domanda fosse negata dovremo considerare l’opportunità di non partecipare al congresso e di versare la quota corrispondente alla spesa che avremmo fatto per partecipare alla raccolta fondi iniziata da te per finanziare il Congresso del PRNTT.

Gianni Rubagotti

Segretario dell’Associazione per l’Iniziativa Radicale Myriam Cazzavillan

Carlo Gandolfo, Oscar Figus, Paolo Izzo della Giunta dell’Associazione per l’Iniziativa Radicale Myriam Cazzavillan

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...