Lettera aperta alle associazioni radicali sulla Marcia per l’amnistia

Lettera aperta alle associazioni #radicali sulla Marcia per l’#amnistia @RadioRadicale #radicali @RadicalParty @radicalimilano @RadicaliRoma

Gentili Segretari, dirigenti e iscritti delle Associazioni radicali,

in questi giorni sono andato a guardarmi un po’ di statuti di associazioni radicali territoriali.

Cito i 2 delle città più grandi:

Radicali Roma

“Noi sottoscritti, riuniti a Roma, nel salone del Partito Radicale, in via di Torre Argentina 76, in data 19/09/2002, animati dalla comune volontà di sostenere le iniziative del Partito Radicale Transnazionale, di Radicali Italiani e delle associazioni federate al Partito, ”

http://www.radicaliroma.com/wp/statuto/http://www.radicaliroma.com/wp/statuto/

Radicali Milano

“Art. 3 – Scopo
1. L’Associazione, che non ha scopi di lucro, si propone di promuovere, coordinare e sostenere le iniziative di Radicali Italiani, del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito e delle associazioni che lo costituiscono.”

http://www.radicalimilano.it/index.php?option=com_k2&view=item&layout=item&id=7182&Itemid=135

e credo che bene o male in quasi tutti gli statuti delle associazioni radicali ci siano riferimenti di questo tipo.

Ma sappiamo che, nonostante il congresso di Rebibbia abbia posto come obiettivo per la sopravvivenza del partito 3000 iscrizioni e primo appuntamento la marcia per l’amnistia del 6 novembre,  molte associazioni radicali evitano di impegnarsi in questa direzione.

Per come la vedo io:

  • o il congresso di Rebibbia è illegittimo, ma allora quali sono le iniziative per la tutela del Partito citato in statuto?
  • o il congresso di Rebibbia è legittimo e allora dove sta la legalità statutaria se il congresso pone un obiettivo e questo viene ignorato?

Poi, per carità, gli statuti si possono cambiare.

Ma in teoria dovrebbero essere in vigore fino a quando vengono cambiati.

E se è vero che siamo il paese dove perfino la costituzione viene applicata o no come sappiamo, qualcuno mi aveva insegnato che siamo radicali proprio per prefigurare qualcosa di diverso.

Spero che finita la campagna per la proposta di legge sulla cannabis legale (che ho firmato e per cui ho anche dato una mano ai tavoli) arrivi qualche risposta a queste semplici domande.

Magari prima del 6 novembre.

Cordiali saluti,
Gianni Rubagotti
Segretario Associazione per l’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...