“Viva il Partito Radicale” 2

Seconda newsletter sulla separazione delle carriere e le attività del Partito Radicale a Milano spedita il 12 luglio scorso agli iscritti. Per averla in tempo reale iscrivevi mandando una mail a segreteria@iniziativaradicale.it. Il numero precedente lo potete leggere qui.

Se non visualizzi correttamente la newsletter aprila nel tuo browser

W il Partito Radicale!! Numero 2

Se ricevi queste poche righe hai il privilegio di accedere ad alcune informazioni che la stragrande maggioranza dei milanesi non può avere dal loro quotidiano, radio, TV etc…
A te la scelta se tenerle per te, come le tengono per loro agenzie di stampa e redazioni a cui le inviamo o se diffonderle per dare un minimo di diritto di conoscerle alle persone che ti stanno accanto.

Buona lettura!
Gianni Rubagotti
 segreteria@iniziativaradicale.it

Separazione delle carriere alla Festa del PD a Milano

E’ in corso la festa del PD allo Scalo Farini (ex Dogana) a Milano. Praticamente assente la giustizia nel programma di incontri bisogna invece ringraziare la direzione della festa per l’ospitalità per il tavolo di raccolta firme sulla separazione delle carriere.
Dopo il tavolo di domenica scorsa quelli per ora programmati sono le sere del 13, 15 e 20 luglio.
Ringraziamo la consigliera Diana De Marchi (Consigliera Comunale eletta nel PD)  per aver autenticato domenica scorsa e Michele Molé (Consigliere Municipio 9 eletto nel PD) e Andrea Cesaratto per aver aperto il tavolo.

Chi non può andare a questi tavoli ne trova altri sul sito della campagna o può andare in uno dei comuni lombardi dove si può firmare.
E’ possibile portare il modulo per attivare la firma in ogni Comune italiano, contattateci asegreteria@iniziativaradicale.it per sapere come.

Nessuna Sala Pannella in Regione Lombardia
“in riferimento alla Sua richiesta di intitolazione in una Sala di Palazzo Pirelli a Marco Pannella, Le comunico che nella seduta dello scorso luglio l’Ufficio di Presidenza, valutate le diverse richieste di intitolazioni giacenti, ha stabilito di non procedere ad ulteriori intitolazioni di sale della sede del Consiglio, in ragione dell’esiguo numero di sale rimaste da intitolare a fronte del numero delle richieste pervenute” Questa la risposta del Presidente del Consiglio Regionale Raffaele Cattaneo a Luca Marsico che raccoglieva unaproposta di iscritti milanesi al Partito Radicale.

La lista Radicali NON era una lista del Partito Radicale
La lista Radicali candidata a Milano un anno fa NON era una lista del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito ma in quanti lo sanno?
Incontriamo spesso eletti del centrosinistra a Milano che lo ignorano ancora dopo un anno dalle amministrative.
Da più di un anno sul sito del Partito è presente il documento “Per il Partito Radicale dello Stato di Diritto e i Diritti umani” che è stato allegato alla relazione che il tesoriere Maurizio Turco ha fatto al congresso di Rebibbia. Lì si legge
“Stando così le cose, la presentazione di liste “radicali” alle prossime elezioni – come quelle annunciate da Emma Bonino, Marco Cappato e Riccardo Magi per Roma e Milano – costituisce fatto incomprensibile e senza precedenti, almeno da quando gli statuti di tutti i soggetti della galassia radicale hanno precluso la presentazione in quanto radicali a qualsiasi tipo di elezione. È un fatto senza precedenti anche in fatto di contenuti, per esempio rispetto agli anni 70-80, quando il Partito Radicale si presentava alle elezioni con il simbolo della Rosa nel Pugno ma senza connotare la sua politica in termini nazionalistici, localistici e partitici (basti pensare alla concomitante lotta contro lo sterminio per fame e alla prassi della “doppia tessera”). ”
Francesco Pasquariello aveva spiegato, sempre un anno fa, perché si tratta di liste che vanno contro la tradizione del Partito Radicale in Comitato di Radicali Italiani che si ritrovò la scelta di presentarsi in quel modo già fatta.

Bentornata Rita!

Rita Bernardini, ricoverata dal 21 giugno scorso dopo uno sciopero della fame di 25 giorni (il terzo in 8 mesi) per la approvazione della riforma della esecuzione penale e per la non reperibilità per i malati di un farmaco a base di cannabis terapeutica (il Bediol) è stata dimessa e alla trasmissione Radio Carcere su Radio Radicale ha annunciato le prossime iniziative per la giustizia e sulle carceri.
Ricordiamo che pochi giorni fa il congresso regionale lombardo del Partito Liberale Italiano le aveva espresso solidarietà anche impegnandosi ad affiancarla in alcune sue lotte, come ha ricordato il segretario Nazionale di quel partito sempre a Radio Radicale.

Annunci

Un pensiero su ““Viva il Partito Radicale” 2

  1. Pingback: “Viva il Partito Radicale” 3 | Iniziativa Radicale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...