Una serata sul Partito Radicale organizzata da chi lo vuol chiudere

Inviato il 12-12-17

Se non visualizzi correttamente questo comunicato clicca qui 

Una serata sul Partito Radicale

organizzata da chi lo vuol chiudere

La serata di cui puoi vedere la locandina qui sopra NON mi risulta una iniziativa per salvare il Partito Radicale (come puoi vedere NON si parla di iscrizioni nonostante senza 3000 il partito chiude).
E NON è organizzata dal Partito Radicale né dalla Associazione che si è caricata la sua sopravvivenza a Milano ma da 2 associazioni.
Una associazione di queste negli scorsi mesi ha operato per la chiusura del partito (la Associazione Enzo Tortora Radicali Milano) in quanto non solo, in violazione del suo statuto (articolo 3 https://radicalimilano.it/chi-siamo/statuto-e-regolamenti/), che tra i suoi scopi stabilisce quello di promuoverne le iniziative, non lo ha fatto ma ha anche alimentato la confusione fra lei e chi voleva mantenere vivo il Partito Radicale.
L’altra (Opera Radicale) parla del partito e della sua salvezza e i suoi membri sono compagni iscritti al Partito Radicale che finanziano la Associazione Enzo Tortora Radicali Milano e votano la sua mozione generale.
Quello che dico è ampiamente confermato da fatti, video, mail che posso citare a chi me lo chiede…ma chi verrà a sapere di questa serata in molti casi non ne è a conoscenza e in molti casi non avrò modo di informarlo.
Ho informato della situazione Bordin che credo venga come giornalista (che ovviamente ha diritto ad andare dove gli pare e sicuramente si sara’ informato sulla complessa situazione milanese) e non in rappresentanza della radio di cui comunque è la voce più conosciuta e apprezzata.
E ho parlato con Strik Lievers.

Se il partito sopravvive credo che iniziative ambigue come queste saranno nel 2018 la naturale evoluzione di quelle dell’anno scorso.
Abbiamo messo una pezza sulla Tortora che si presentava come la erede di un partito che voleva chiuso non mettendone la bandiera alla sua assemblea annuale per poi metterla a una “assemblea radicale” con Emma Bonino poco dopo.
Ora bisognerà inventarsela anche per i compagni di Opera Radicale e per i tanti compagni che opereranno con iniziative di questo tipo dato che il vecchio giochino del confondere Tortora e Partito funziona sempre meno.

Per intanto ricordo che i 3000 iscritti non sono stati raggiunti, potete aiutarci a farlo andando su http://iscrizione.partitoradicale.it oppure potete farlo al congresso di Nessuno Tocchi Caino (ignorato dalla newsletter della Tortora http://mailchi.mp/676e8fc2ab03/il-25-aprile-radicale-152017-radicali-milano-291167?e=38c206da9b e dal twitter di Opera Radicale https://twitter.com/operaradicale ) e a cui sta dando una mano la Cazzavillan, se vi siete segnalati per tempo per partecipare.

A subito per parlare di iniziative per portare avanti le battaglie di Rebibbia e non quelle per affondarle,
Gianni Rubagotti
Segretario Associazione per l’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...