La dichiarazione del PD Lombardia pro Radio Radicale

scaricatela e chiedete che sia affissa al circolo del PD più vicino a voi

ComunicatoPD

Annunci

Proposte di modifica dello statuto punti per mozione generale per il congresso

Proposte di modifica dello statuto

1

Da

1.2.2. La quota minima di iscrizione al Partito Radicale é stabilita dal Congresso in relazione al prodotto interno lordo (PIL) pro-capite del paese di residenza di ciascun iscritto.

a

1.2.2. Il tesoriere aggiorna le quote nazionali di iscrizione al Partito Radicale in relazione al prodotto interno lordo (PIL) pro-capite del paese di residenza di ciascun iscritto e tenendo conto della mozione congressuale.

2

2.1.1. E’ l’organo deliberativo del Partito, di cui stabilisce gli orientamenti e l’indirizzo politico, fissandone gli specifici obiettivi e precisandone i settori di attività. Il Congresso ordinario ha luogo ogni due anni, ed è obbligatoriamente convocato dal segretario per gli ultimi due mesi del biennio.

Il Congresso è costituito dagli iscritti al Partito Radicale. Ad esso partecipano rappresentanti di associazioni e gruppi non radicali aderenti al Partito nella misura e nei modi stabiliti dagli accordi di adesione.

Aggiunta

Il Congresso si può tenere contemporaneamente in più luoghi fisici connessi telematicamente.

3

2.9. Il Senato del Partito Radicale

2.9.3 I soggetti costituenti.

Abolizione totale: lasciare la possibilità di federazione con il partito di altri soggetti (proporla per Nessuno Tocchi Caino e la Associazione di Sam Rainsy)

4

2.4. I Congressi di area

2.4.1. Ai congressi di area partecipano tutti gli iscritti al Partito Radicale di una determinata area geografica, che può coincidere con il territorio di uno Stato o con una o più di una sua ripartizione amministrativa. L’iniziativa di costituire congressi d’area e di convocarli appartiene ai 1/3 degli iscritti dell’area e a [__segretario/presidenza/coordinamento__], che ne definisce l’ampiezza e le modalità funzionamento nel rispetto dei principi di partecipazione e di rappresentanza degli aderenti avendo come base la presenza di almeno 100 iscritti.

2.4.2. I congressi di area sono un luogo di discussione fra gli iscritti, favoriscono la costituzione di associazioni tra i medesimi, propongono iniziative per l’azione degli organi esecutivi, favoriscono l’attuazione della mozione congressuale nell’area territoriale di competenza, sono un momento di significativa presenza e di rappresentanza degli iscritti dell’area. Non possono eleggere organi né adottare deliberazioni vincolanti organi del partito e associazioni.

Bozza con punti per mozione generale per il congresso

Il Congresso delibera di sostituire nel simbolo del Partito Radicale il volto di Gandhi con quello di Marco Pannella

il Congresso ringrazia i cittadini che con la loro iscrizione hanno consentito al Partito Radicale di raggiungere e superare per ben 2 volte l’obiettivo dei 3000 iscritti.

Ringrazia in particolarmente gli iscritti che, oltre ad acquistare la loro tessera,si sono attivati chiedendo ad altri di iscriversi, facendo iniziative sul territorio a favore del Partito e raccogliendo le firme sulle 8 proposte di legge di iniziativa popolare: da questi ultimi dovrà arrivare la nuova classe dirigente del Partito in modo che possa configurarsi secondo un modello che sappia accogliere e valorizzare chi proviene da una storia diversa con la disponibilità di voler costruire una storia diventata ora comune.

Il Congresso invita gli iscritti stranieri a costituire o associazioni radicali come da statuto o realtà associative che si facciano carico non solo della raccolta di iscrizioni, ma anche di autonome iniziative locali di promozione del partito come, per esempio, il convegno sul diritto alla conoscenza tenutosi alla Università Statale di Milano il 13 novembre 2017. In tal senso impegna la dirigenza del partito, per quanto possibile, ad incoraggiare ed assistere gli iscritti dei paesi diversi dall’Italia ad iniziare la costruire del Partito Radicale dei 300.000 iscritti nel mondo, che diventa sempre più necessario in un quadro dove il serbatoio italiano rischia la estinzione.

Il Congresso invita l’Associazione Nessuno Tocchi Caino e la “Association for Democracy in Cambodia” di Sam Rainsy a federarsi come da statuto al Partito Radicale.

Il Congresso conferma

la scelta per la transizione verso lo stato di diritto, federalista e per gli Stati Uniti d’Europa (in attesa di quelli dell’Africa, delle Cine, del Nord e del Sud America). Per questo ritiene necessaria una “Europa 4.0” composta dagli stati pronti a fare il salto verso una vera federazione, anche se non necessariamente parte dell’Unione Europea ponendo in particolare l’attenzione sugli Stati del Mediterraneo.

Ritiene infine significativo il riconoscimento, all’interno dello Statuto del Partito, di Congressi d’area che siano riferiti a realtà territoriali in modo da essere momento di confronto e proposta degli iscritti a livello locale.

 

Ecco come combattiamo il fascismo di Casa Pound

immagine

Questa immagine è il nostro modo di combattere il fascismo di Casa Pound.
E’ la nostra risposta a chi pensa che per farlo bisogna impedire a quel partito di svolgere un dibattito sull’Europa, tra l’altro prevedendo una voce diversa dalla loro (Alessandro De Chirico di Forza Italia) come successo venerdì sera a Sesto San Giovanni.
Il modo radicale e pannelliano migliore di combattere Casa Pound è combattere CON Casa Pound per il diritto di tutti e di ciascuno alla conoscenza della propria storia grazie agli archivi di quello straordinario servizio pubblico che è e sarà fino al 21 maggio, Radio Radicale.
La chiusura di quest’ultima non solo è responsabilità di altri dai “fascisti” di Casa Pound ma è da Simone Di Stefano osteggiata tanto che probabilmente ci saranno delle iniziative del suo partito in difesa della radio.
E vale la pena di ricordare che proprio nel centro sociale romano vennero celebrati i 35 anni di Radio Radicale con un dibattito, forse l’unico organizzato da una forza politica diversa da quella di Pannella, visibile sul sito radioradicale.it
Speriamo di poter ancora a lungo dibattere e scontrarci duramente con Casa Pound rispetto alle tante cose su cui la pensiamo diversamente da quel partito, e di farlo dai microfoni della radio più radicale del mondo proprio perché è la casa innanzitutto dei non radicali.

Proposta radicale: coltivare marijuana per malati a Paderno

La Scommessa

Ricevo da Gianni Rubagotti, segretario del’associazione per l’iniziativa radicale Myriam Cazzavillan, il seguente comunicato stampa:

Marijuana per i malati: coltiviamola a Paderno Dugnano

Ora che la Regione ha deciso di fornire gratuitamente la cannabis terapeutica ai malati è urgente che venga prodotta anche nei nostri territori: infatti quella prodotta allo stabilimento militare di Firenze è insufficiente e la carenza di questo farmaco sul mercato è da tempo un problema grave. Chiedo allora al Vicesindaco Bogani di attivarsi presso il governo per autorizzare nel nostro comune la sua coltivazione, creando posti di lavoro non solo nella cura delle piante ma anche nella filiera di inscatolamento e trattamento (Coldiretti valuta in 10000 i posti che si potrebbero creare) e spero che qualcuno voglia portare la questione in Consiglio Comunale, altrimenti bisognerà attendere qualche altra firma sulla petizione su cui le sto raccogliendo.
Mi riferisco alla Deliberazione della Regione Lombardia N° XI…

View original post 309 altre parole

Radicali: raccolta firme per otto referendum

La Scommessa

Ricevo da Gianni Rubagotti (segretario dell’Associazione per l’Iniziativa Radicale ‘Myriam Cazzavillan’) il seguente comunicato stampa:

8 firme a Paderno Dugnano per continuare le lotte di Tortora e Pannella

Parte a Milano e negli altri capoluoghi lombardi la campagna di raccolta firme sulle 8 proposte di legge di iniziativa popolare sulla giustizia giusta e non solo del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito che continuano le battaglie che furono di Enzo Tortora.

Nella ex-provincia di Milano si potrà firmare a Paderno Dugnano in via Grandi 15 dal lunedì al venerdì dalle 8:15 alle 12:15.

Le 8 proposte di legge riguardano:

1. Modifica dell’articolo 79 della Costituzione in materia di concessione di amnistia e indulto.
L’amnistia e l’indulto sono necessari per riportare l’Italia nella legalità della sua Costituzione e davanti all’Europa. Il quorum di 2/3 del Parlamento dal 1992 rende impossibili questi provvedimenti.

2. Revisione del sistema delle misure di prevenzione e…

View original post 439 altre parole

Puntare sul civismo vuol dire lavorare per la città senza pensare alla bandiera

La Scommessa

Il blog Qui Paderno Dugnano, la cui firma più in vista è quella dell’ex sindaco Gianfranco Massetti, propone due riflessioni interessanti a proposito del dibattito che si è aperto a seguito dell’autocandidatura di Gianni Rubagotti.

Le suggestioni sono molte.

La discesa in campo di Rubagotti è stata una provocazione per smuovere le acque e suscitare reazioni a catena. Le primarie non sono oggi all’ordine del giorno, come pure è evidente che una coalizione al momento non esiste se non nella forma ipotetica della possibilità.

E’, pertanto, almeno stravagante l’idea di Rubagotti di voler partecipare alle primarie di una alleanza precedentemente osteggiata ed oggi alquanto bistrattata; allo stesso modo mi sembra fuori luogo il pronunciamento di Potere al Popolo che si autoesclude dall’orizzonte del centrosinistra eppure interviene con…

View original post 386 altre parole

Potere al Popolo: Sì a candidatura Rubagotti, anche se non partecipiamo a primarie del centrosinistra

La Scommessa

Ricevo da Rifondazione Comunista di Paderno Dugnano il seguente comunicato stampa:

A PROPOSITO DELLA AUTOCANDIDATURA DI RUBAGOTTI ALLE PRIMARIE DEL CENTROSINISTRA PADERNESE

Rileviamo uno sconcerto e una sorpresa nel centrosinistra padernese, dopo il comunicato di Gianni Rubagotti in cui presentava la sua autocandidatura alle primarie di coalizione (se fatte) in vista della scadenza delle amministrative del 2019, tanto che l’acida risposta del Partito Democratico non si è fatta attendere.

La scelta del futuro candidato sindaco per il centrosinistra non sarà facile. Rubagotti ha solo espresso l’intenzione di volervi partecipare come candidato in un centrosinistra, che ha ripetutamente dimostrato in tutti questi anni, una blanda e a volte assente opposizione, all’immobilismo dell’attuale amministrazione di centrodestra.

Potere al Popolo di Paderno Dugnano, pur non rientrando nel progetto centrista, ritiene che nel centrosinistra vi possa essere un confronto democratico attraverso l’uso di uno strumento come le primarie di coalizione, senza giungere al divieto…

View original post 260 altre parole

Condanna PD: da Rubagotti attacco violento e gratuito ad Antonella Caniato

La Scommessa

Ricevo da Enrico Englaro per conto del PD padernese il seguente comunicato stampa:

COERENZA E TRASPARENZA

Coerenza e trasparenza. Questa è la risposta che come Partito Democratico di Paderno Dugnano ci sentiamo di dare all’ennesimo gratuito e violento attacco alla nostra Capogruppo Antonella Caniato, nonché a candidature auto referenziate e improvvisati millantatori.

Nei giorni scorsi è apparso su un blog locale un comunicato del sig. Rubagotti, che vantandosi di aver cambiato opinione e appartenenza politica almeno tre volte negli ultimi quattro anni, mutando la propria identità da progressista, a rivoluzionaria, a conservatoria, si è autocandidato quale rappresentante del centrosinistra al prossimo turno elettorale.

Il Partito Democratico di Paderno Dugnano prende formalmente le distanze e condanna sia nei contenuti e sia nei modi l’intero comunicato. In particolare non tollera la violenza gratuita nei confronti di nessuno e, a maggior ragione, nei confronti della Capogruppo che sempre si è spesa e…

View original post 212 altre parole