Domani ore 15 conferenza stampa Lista Pannella sciopero del voto a Milano poi Assemblea

Domani, domenica 25 alle ore 15 in via Conte Rosso 5 presso la Acli Lambrate  conferenza stampa di Maurizio Turco della Lista Pannella sullo sciopero del voto.
Cogliamo l’occasione per informarvi che di seguito ci sarà una assemblea pubblica aperta a tutti i cittadini.

Di seguito il link al volantino nazionale

sciopero del voto fronte ver1_Layout 1

Annunci

La mozione generale 2018

Ecco la mozione generale approvata dall’Assemblea Annuale della Associazione per l’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan” (7 favorevoli, 1 astenuto, 1 contrario).

L’assemblea annuale degli iscritti dell’“Associazione Per L’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan”, riunita presso la sede del Partito Socialista Italiano in via Andrea Costa 20A, che generosamente ci ospita.
approva
la relazione di tesoreria e del segretario
ringrazia
chi si è attivato in questi mesi per portare avanti gli obiettivi della mozione dello scorso anno contribuendo al “miracolo laico” delle 3000 iscrizioni raggiunte e superate dal Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito
dichiara
che si dissocia dai compagni che hanno chiesto alla attuale dirigenza del Partito di cambiare la mozione votata a Rebibbia considerando questa proposta offensiva per tutti i compagni che hanno partecipato a quel congresso, anche di chi quella mozione non ha votato.
impegna
il segretario a verificare se ci sono e le condizioni finanziare, politiche e organizzative per poter portare avanti gli obiettivi della mozione dello scorso anno anche nel 2018.
il segretario ad incrementare i momenti di confronto sia interno sia esterno all’associazione, come strumenti fondanti delle scelte politiche e programmatiche (1)
Invita
gli iscritti della associazione a destinare il loro 5 per 1000 alla Associazione Italian Amala Onlus
delibera
che la quota di iscrizione annuale all’Associazione per l’anno associativo 2017 è fissata a 30€ (consigliata 35) ed è ridotta per chi era iscritto al P.R.N.T.T. nel 2017 o è iscritto nel 2018 a 10 euro (consigliati 15) tranne per i detenuti iscritti al Partito per i quali l’iscrizione è gratuita.
Aggiornamento 3 2 18
Firme
Gianni Rubagotti
Lukas Dvorak
(terza firma non leggibile)
(1) seconda parte dell’emendamento Mancarella accolta nella mozione generale. La prima è stata respinta dalla assemblea
La assemblea alla unanimità ha rieletto come tesoriere Lukas Dvorak e come segretario Gianni Rubagotti
Immagine
Immagine.jpg

proposta di Regolamento per Assemblea annuale Cazzavillan 10-2-18 

basata su quello dello scorso anno

1. Ogni iscritto all’Associazione può fare emendamenti alle proposte di Ordine dei lavori e di Regolamento per iscritto alla Segreteria di Presidenza; gli emendamenti non possono essere sub-emendati. 
Gli emendamenti vengono illustrati dai presentatori con interventi della durata massima di 2 minuti. Su ognuno di essi la Presidenza ammette una dichiarazione di voto favorevole e una contraria della durata massima di 1 minuto. 
Ogni iscritto può presentare un solo emendamento, anche complessivo, sull’Ordine dei lavori e uno sulle norme regolamentari. 
2. Ogni partecipante può proporre Mozioni d’ordine alla Presidenza, che le accetta dando loro esecuzione, o le dichiara insindacabilmente inammissibili o le sottopone al voto dell’Assemblea, consentendone l’illustrazione per una durata massima di 2 minuti e dando la parola per dichiarazione di voto, una a favore e una contraria, della durata massima di 1 minuto. 
Le Mozioni d’ordine non possono comunque modificare le norme regolamentari votate all’inizio dell’Assemblea. 
Le Mozioni d’ordine devono essere presentate per iscritto alla Segreteria di Presidenza e non possono interrompere un intervento in corso. 
3. Al dibattito possono intervenire tutti i presenti anche se non iscritti all’Associazione. Gli interventi nel dibattito sono di una durata massima di 10 minuti per gli iscritti all’Associazione e/o al PRNTT e 5 minuti per i non iscritti. Superato il tempo previsto la Presidenza può togliere la parola. 
4. Le iscrizioni a parlare devono essere presentate personalmente alla Segreteria di Presidenza nei termini di tempo previsti dall’Ordine dei lavori. 
5. Partecipano alle votazioni i congressisti presenti fisicamente o in collegamento telematico in regola con l’iscrizione versata per l’anno 2017. 
6. Le proposte di modifica dello Statuto devono essere presentate per iscritto alla Segreteria di Presidenza, entro la scadenza fissata dall’Ordine dei lavori, e devono essere sottoscritte da almeno 1 decimo degli iscritti presenti nell’orario fissato per l’inizio della presentazione dei documenti congressuali. Il suddetto quorum sarà accertato e comunicato all’Assemblea dalla Presidenza. 
Le proposte di modifica dello Statuto possono essere illustrate da uno dei presentatori per non più di 4 minuti. 
Eventuali emendamenti alle proposte di modifica dello Statuto devono essere sottoscritti da un numero di congressisti pari alla metà almeno del quorum stabilito per la presentazione di proposte di modifica dello Statuto, e vanno presentati per iscritto alla Segreteria di Presidenza. 
Qualora gli emendamenti alle proposte di modifica dello Statuto non fossero accolti dai presentatori delle stesse, la Presidenza dà la parola per l’illustrazione a uno dei presentatori dell’emendamento per la durata massima di 2 minuti. Su ciascuno di essi la Presidenza ammette una dichiarazione di voto favorevole e una contraria della durata massima di 1 minuto. 
Esaurita la votazione degli emendamenti, la Presidenza procede alla votazione delle proposte di modifica dello Statuto dando la parola per un massimo di una dichiarazione di voto favorevole e una contraria, della durata di non oltre 3 minuti ciascuna. 
Le proposte di modifica dello Statuto sono approvate, in accordo con l’Art. 7 dello Statuto, con votazioni a maggioranza dei 2/3 dei presenti. Si intendono partecipanti al voto quanti esprimono voto favorevole o contrario. 
7. Le Mozioni generali vanno presentate per iscritto alla Segreteria di Presidenza entro la scadenza fissata dall’ordine dei lavori e devono essere sottoscritte da almeno un decimo dei congressisti presenti nell’orario fissato per l’inizio della presentazione dei documenti congressuali. Il suddetto quorum sarà accertato e comunicato all’Assemblea dalla Presidenza. Ciascun partecipante non può presentare o sottoscrivere più di una Mozione generale. 
Ciascuna Mozione generale può essere illustrata da uno dei presentatori per un limite massimo di 4 minuti. 
Eventuali emendamenti alla Mozione generale sono posti in discussione e votazione con le medesime modalità stabilite per gli emendamenti alle proposte di Mozione Particolare. 
Esaurita la votazione degli emendamenti, la Presidenza procede alla votazione della Mozione generale dando la parola per un massimo di due dichiarazioni di voto favorevoli e due contrarie per ciascuna mozione generale presentata, della durata di non oltre 3 minuti ciascuna. 
La mozione generale è approvata a maggioranza dei partecipanti al voto. Si intendono partecipanti al voto quanti esprimono voto favorevole o contrario. 
8. Le Mozioni particolari vanno presentate per iscritto alla Segreteria di Presidenza entro la scadenza fissata dall’ordine dei lavori e devono essere sottoscritte da almeno 1 congressista presenti nell’orario fissato per l’inizio della presentazione dei documenti congressuali. 
Ciascuna Mozione particolare può essere illustrata da uno dei presentatori per un limite massimo di 3 minuti. 
Eventuali emendamenti alle mozioni particolari sono posti in discussione e votazione con le medesime modalità stabilite per gli emendamenti alle proposte di modifica dello Statuto. 
Esaurita la votazione degli emendamenti, la Presidenza procede alla votazione delle Mozioni particolari dando la parola per un massimo di una dichiarazione di voto favorevole e una contraria per ciascuna mozione presentata, della durata di non oltre 2 minuti ciascuna. 
Le Mozioni particolari sono approvate a maggioranza dei partecipanti al voto. Si intendono partecipanti al voto quanti esprimono voto favorevole o contrario. 
9. Gli organi sono eletti a voto palese. A ciascuna carica può essere candidato o candidarsi qualunque iscritto presente. Non è ammesso il voto per delega. 
10. Gli organi provvederanno a pubblicare sul sito e sui social media dell’Associazione tutte le deliberazioni dell’Assemblea.

Proposta di Mozione Generale

Aggiornamento modifica in corsivo
L’assemblea annuale degli iscritti dell’“Associazione Per L’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan”, riunita presso la sede del Partito Socialista Italiano in via Andrea Costa 20A, che generosamente ci ospita.
approva
la relazione di tesoreria e del segretario
ringrazia
chi si è attivato in questi mesi per portare avanti gli obiettivi della mozione dello scorso anno contribuendo al “miracolo laico” delle 3000 iscrizioni raggiunte e superate dal Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito
dichiara
che si dissocia dai compagni che hanno chiesto alla attuale dirigenza del Partito di cambiare la mozione votata a Rebibbia considerando questa proposta offensiva per tutti i compagni che hanno partecipato a quel congresso, anche di chi quella mozione non ha votato.
impegna
il segretario a verificare se ci sono e le condizioni finanziare, politiche e organizzative per poter portare avanti gli obiettivi della mozione dello scorso anno anche nel 2018.
Invita
gli iscritti della associazione a destinare il loro 5 per 1000 alla Associazione Italian Amala Onlus
delibera
che la quota di iscrizione annuale all’Associazione per l’anno associativo 2017 è fissata a 30€ (consigliata 35) ed è ridotta per chi era iscritto al P.R.N.T.T. nel 2017 o è iscritto nel 2018 a 10 euro (consigliati 15) tranne per i detenuti iscritti al Partito per i quali l’iscrizione è gratuita.
Aggiornamento 3 2 18
Firme
Gianni Rubagotti
Lukas Dvorak

Viva il Partito Radicale!! Numero 15. Il 10 Febbraio Assemblea Annuale Cazzavillan

Salva il Partito Radicale e le sue lotte.
Iscriviti e fai iscrivere subito, anche a rate, anche se
sei iscritto ad altri partiti o detenuto a

http://iscrizione.partitoradicale.it/

Se non visualizzi correttamente la newsletter aprila nel tuo browser

Viva il Partito Radicale!! Numero 15.

Il 10 Febbraio Assemblea Annuale

Cazzavillan

Ciao,

sei invitato a venire il 10 Febbraio alle 11 in via Andrea Costa al numero 20a a Milano.
Ci sarà la nostra assemblea annuale.
La tua presenza è particolarmente importante perché se siamo stati tra i protagonisti della salvezza del Partito Radicale e delle sue lotte siamo anche nella fase più difficile della nostra associazione.
L’impegno per salvare il partito ha prosciugato le nostre povere casse, l’autofinanziamento è in crisi e ci sono altre difficoltà di cui parleremo quel giorno.
Se vuoi che la associazione che si è fatta carico del Partito Radicale a Milano (e non solo) continui a operare con il ritmo dello scorso anno ci vediamo il 10 febbraio.
Iscriviti subito all’evento facebook: https://www.facebook.com/events/1987061044875404/
Se non puoi aspettare il 10 contattami per partecipare alla nostra campagna elettorale: che sarà fatta di una serie di volantinaggi informativi ai principali eventi politici per incontrare le persone difficili da raggiungere coi media.

A subito, .
Gianni Rubagotti
 segreteria@iniziativaradicale.it

GRANDE SATYAGRAHA dedicato a

MARCO PANNELLA

Ripreso da http://www.radicalparty.org/it/content/grande-satyagraha-dedicato-marco-pannellasiamo ormai alla stretta finale per ottenere o meno la definitiva approvazione dei decreti delegati di riforma dell’Ordinamento Penitenziario che deve necessariamente avvenire prima del 4 marzo, giorno del voto per le elezioni politiche. Dopo il voto, infatti, ci saranno un nuovo Parlamento e un nuovo Governo, sempre che riescano a farlo un governo. Dopo le elezioni tutto ricomincerà da capo e il lavoro di tre anni iniziato con gli Stati Generali dell’esecuzione penale andrà letteralmente in fumo. Dobbiamo assolutamente scongiurarlo.

Con il Satyagraha che è ripreso dalla mezzanotte del 22 gennaio chiediamo espressamente a Governo e Commissioni Giustizia di Camera e Senato (che devono fornire i pareri sui decreti, pareri obbligatori ma non vincolanti per il Governo) di assicurare la definitiva approvazione entro la fine di febbraio e di aggiungere urgentemente i decreti mancanti, in particolare, quelli riguardanti il lavoro e l’affettività in carcere.

Ti preghiamo di fare il massimo sforzo per far giungere al Partito Radicale il più presto possibile quante più firme e adesioni possibili perché la condizione delle carceri e dell’esecuzione penale nel nostro Paese hanno raggiunto livelli di mancato rispetto delle normative e della Costituzione che dovrebbero allarmare tutti coloro che ancora credono nei valori della democrazia e dello Stato di diritto.

I moduli (scarica PDF) con le firme vanno spediti a

– Partito Radicale, Via di Torre Argentina 76 – 00186 ROMA

– oppure per email a bernardini.rita@gmail.comPer le adesioni individuali, è necesario compilare il modulo online (link)

Sul tema consigliamo la lettura della Lettera eretica di Paolo Izzo
Aiuto al suicidio
https://letteretiche.wordpress.com/2018/01/19/aiuto-al-suicidio/

Elezioni truccate. Non parteciperemo.

Denunceremo la violenza del regime

erede della partitocrazia in tutte

le sedi. Appello alla resistenza

nonviolenta

Ripreso da http://www.radicalparty.org/it/content/elezioni-truccate-non-parteciperemo-denunceremo-la-violenza-del-regime-erede-della-partitocr
Roma, 18 gennaio 2018 – La Lista Marco Pannella ha annunciato che “per la prima volta dopo 25 anni non presenterà proprie liste per il rinnovo del Parlamento Italiano”.  La Lista Marco Pannella ritiene che le elezioni mai come questa volta siano non democratiche a causa della mancanza informazione ai cittadini su questioni di fondamentale importanza, lo Stato di diritto, la giustizia, l’Europa.  Nonché la negazione al Partito Radicale (che per statuto non si presenta alle elezioni) di essere conosciuto per le lotte che conduce.  La Lista Marco Pannella ha quindi preannunciato che proseguirà la ultradecennale lotta per l’affermazione del diritto, denunciando nelle sedi preposte la sempre più sottile, quasi impalpabile quanto pervasiva, violenza del regime; e invita i cittadini alla mobilitazione e alla resistenza nonviolenta.   * * *   COMUNICAZIONE DELLA LISTA MARCO PANNELLA La Lista Marco Pannella per la prima volta dopo 25 anni non presenterà proprie liste per il rinnovo del Parlamento Italiano. La non democraticità delle elezioni ha raggiunto in questa tornata elettorale vette mai raggiunte prima e qualsiasi tentativo di partecipare al gioco elettorale significherebbe legittimarle. Il regime erede della partitocrazia, attraverso la stampa e la tv totalmente asservite alle ragioni del potere, impedisce quotidianamente ai cittadini, di conoscere altro e altri da ciò che, funzionale alla sua stessa conservazione, deve essere conosciuto. E’ in atto una formidabile opera di censura da parte dei media nei confronti dei Radicali del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito, in cui si riconosce la Associazione Politica Nazionale Lista Marco Pannella: sono totalmente azzerati i dibattiti su temi essenziali quali lo Stato di diritto, la giustizia, l’Europa; mentre i cittadini vengono tenuti all’oscuro delle molteplici e rilevanti iniziativi politiche in corso su questi temi. Peraltro, non si è ancora conclusa la procedura presso la Corte europea dei Diritti dell’Uomo per la mancata informazione relativa al periodo precedente al 2013 e rispetto alla quale i vari Governi hanno opposto resistenza a una qualsiasi forma di risarcimento informativo. Censura che, da allora, è continuata con sempre più proterva violenza nei confronti del Partito Radicale al quale è impedito di essere conosciuto e dei cittadini ai quali è impedito conoscere. Inoltre, la nuova legge elettorale per la terza volta viene adottata in prossimità della scadenza elettorale stravolgendo il precedente sistema. Questo comporta l’impossibilità per alcune forze politiche di partecipare alle elezioni mentre si dilata a dismisura, per via interpretativa, la possibilità di presentare liste senza l’onere della raccolta delle firme a qualsiasi microinsediamento istituzionale, che perciò diviene l’unico “programma” di unione tra forze politiche profondamente diverse. Il rispetto del diritto dei cittadini a conoscere per deliberare, unito al rispetto dell’identità dell’immagine delle persone, come delle organizzazioni politiche, è presupposto vitale del corretto svolgimento del confronto politico pertanto la Lista Marco Pannella, proseguirà la ultradecennale lotta per l’affermazione del diritto, denunciando nelle sedi preposte la sempre più sottile, quasi impalpabile quanto pervasiva, violenza del regime; e invita i cittadini che potranno essere raggiunti da questa comunicazione alla mobilitazione e alla resistenza nonviolenta.

Solidarietà a Davide Romano

Davide Romano, uno degli ideatori della proposta dei Giardini Pannella, è stato rimosso dal suo ruolo di Assessore alla cultura dal Consiglio della Comunità ebraica (9 voti contro 8).
Ha pagato il fatto di essersi espresso per rompere il muro di silenzio attorno alle grida antisemite sentite in una recente manifestazione in Piazza Cavour, minacciando di non partecipare alle celebrazioni della giornata della Memoria.
Davide ha la mia piena solidarietà e quella della Cazzavillan, per quel che questo conta.
Questa decisione dimostra quello che i nazisti hanno sempre negato, gli ebrei sono uguali agli altri…e quindi fanno cazzate pure loro.
Gianni Rubagotti

Qui potete leggere la notizia http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/18_gennaio_27/comunita-ebraica-ha-rimosso-l-assessore-cultura-romano-3eec0964-0334-11e8-93bb-ec4bb3ac447d.shtml
Qui potete risentire Davide intervistato da Radio Radicale sui Giardini Pannella
https://www.youtube.com/watch?v=iqGG6wF-qbk

+Europa: Bernardini rifiuta candidatura, voi contrari a Pannella

(AGI) – Roma, 21 dic. – “Il fatto che mi proponiate una candidatura nella vostra lista mi porta a pensare che il mio comportamento politico non sia stato chiaro ai vostri occhi e ciò mi dispiace perché ero convinta di essermi manifestata in modo limpido. E non mi riferisco a tempi recentissimi ma almeno da quando le vostre strade sono confluite in un’unica strada contraria a quella percorsa da Marco Pannella, strada – quella di Marco – che io ho condiviso e che cerco di portare avanti oggi con le compagne e i compagni del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito”. È il ‘gran rifiuto’ che Rita Bernardini – membro della presidenza del Partito Radicale – oppone all’offerta di candidatura per le elezioni politiche di primavera da parte di +Europa la lista guidata da Emma Bonino che si muove nel campo del centrosinistra. Un’offerta che le era stata avanzata da una email del segretario dei Radicali italiani Riccardo Magi. “Non è ‘per caso’ che i soggetti politici che rappresentate con le vostre firme – sottolinea la Bernardini nel suo rifiuto scritto ieri ma diffuso oggi – siano stati i più acerrimi boicottatori, con atti, comportamenti e omissioni, del raggiungimento nel 2017 dei 3.000 iscritti”. Per la Bernardini “Non sono secondarie, come scrive Riccardo Magi con l’espressione “è inutile qui e ora ricordare”, le ragioni che mi hanno portato a “scelte politiche e organizzative diverse” anche perché “giustizia giusta” e “carceri” non sono un brand, semplici titoli di iniziative da poter vantare in campagna elettorale, ma elementi essenziali di un regime a-democratico e anti-popolare che ha ridotto il Paese sul lastrico non solo e non tanto economico (quella semmai è una conseguenza), ma istituzionale e civile. Avete il “vostro” partito, la “vostra” lista, il nome di Emma Bonino ceduto a Radicali italiani come patrimonio da far fruttare nelle competizioni elettorali. Avete spazi televisivi a go’-go’, quelli per conquistare i quali (e non certo per se stesso) Pannella doveva giungere in punto di morte: che ve ne fate di una scostumata Bernardini?”. E la Bernardini conclude citando le parole del rimpianto Marco Pannella del 1978: “non possiamo non prevedere fin d’ora – pena la morte politica di tutti noi – che si tenterà di separare, di annettere, di integrare qualsiasi radicale che proponga in modo non scostumato, cioè secondo il costume di classe del potere, e quindi con costumi omogenei a quelli del potere, quello che insieme abbiamo imparato e a cui stiamo dando corpo”.(AGI) red/Gim 211353 DIC 17

Calendario dei radicali compresenti

“Tutti gli esseri che mai furono e che sono, morti e viventi, costituiscono una compresenza che s’accresce dei nati, che è tenuta insieme ed unificata dalla produzione dei valori”
Aldo Capitini

Il 3-2-12 ci lasciava Myriam Cazzavillan https://iniziativaradicale.wordpress.com/2016/02/03/myriam-cazzavillan-ci-lasciava-oggi-nel-2012/
Il 7-2-87 ci lasciava Claudio Villa https://iniziativaradicale.wordpress.com/2017/02/07/claudio-villa-ci-lasciava-oggi-nel-1987/
L’8-2-2007 ci lasciava Adele Faccio https://iniziativaradicale.wordpress.com/2016/02/08/adele-faccio-ci-lasciava-oggi-nel-2007/
Il 9-2-67 ci lasciava Ernesto Rossi
https://iniziativaradicale.wordpress.com/2016/02/09/ernesto-rossi-ci-lasciava-oggi-nel-2000/
Il 9-2-68 ci lasciava Nello Traquandi
https://www.radioradicale.it/scheda/257466/dichiarazioni-di-marco-pannella-in-visita-al-cimitero-fiorentino-di-trespiano-rende
Il 15-2-1926 ci lasciava Piero Gobetti
http://www.radioradicale.it/scheda/218130/due-discorsi-di-gaetano-salvemini-a-cura-di-ernesto-rossi
Il 20-2-2006 ci lasciava Luca Coscioni
https://iniziativaradicale.wordpress.com/2017/02/20/luca-coscioni-ci-lasciava-oggi-nel-2006/
Il 20-2-1990 ci lasciava Franco De Cataldo
https://iniziativaradicale.wordpress.com/2017/02/19/franco-de-cataldo-ci-lasciava-oggi-nel-1990/
Il 27-2-1994 ci lasciava Andrea Tamburi
https://iniziativaradicale.wordpress.com/2017/02/27/andrea-tamburi-ci-lasciava-oggi-nel-1994/

 

Arretrati

Potete consultare i numeri precedenti della newsletter qui

Numero 1 (5-7-17)
Numero 2 (12-7-17)
Numero 3 (20-7-17)
Numero 4 (26-7-17)
Numero 5 (28-8-17)
Numero 6 (1-10-17)
Numero 7 (8-10-17)
Numero 8 (11-10-17)
Numero 9 (31-10-17)
Numero 10 (3-11-17)
Numero 11 (14-11-17)
Numero 12 (20-11-17)
Numero 13 (30-11-17)
Comunicato Cazzavillan (12-12-17)
Numero 14 (24-12-17)

Viva il Partito Radicale!! Numero 14.

Newsletter inviata il 24-12-17 Se vuoi averla in tempo reale scrivi a  segreteria@iniziativaradicale.it

Salva il Partito Radicale e le sue lotte.
Iscriviti e fai iscrivere subito, anche a rate,
anche se sei iscritto ad altri partiti o detenuto a

http://iscrizione.partitoradicale.it/

Se non visualizzi correttamente la newsletter aprila nel tuo browser

 

Viva il Partito Radicale!! Numero 14.

Regali di Natale: separazione delle

carriere, riforma penitenziaria,

dimissioni Lipparini

Ciao,

il Partito Radicale vivrà anche nei prossimi 12 mesi.
Alle ore 18 del 13/12/2017, gli iscritti al Partito erano 3.112.
Ora si riparte per raggiungere nel 2018 i 3000 iscritti e il Congresso.
La prima tappa sarà la assemblea del 28 dicembre a Roma, poi come Cazzavillan dovremo capire il nostro ruolo a Milano e altrove con una situazione diversa da quella trovata all’uscita dal congresso di Rebibbia.
Trovate maggiori informazioni su questo obiettivo raggiunto qui http://www.radicalparty.org/it/content/raggiunti-i-3000-iscritti-al-partito-radicale
Qui maggiori elementi sulla assemblea del 28 dicembre
http://www.radicalparty.org/it/content/partito-radicale-il-28-dicembre-conferenza-stampa-e-assemblea-degli-iscritti
Altre notizie le trovate in questa newsletter, a voi decidere se tenerle per voi o girarle.

Buon Natale e buone feste,
Gianni Rubagotti
 segreteria@iniziativaradicale.it

Separazione delle carriere: firme valide

La proposta dell’Unione, per una legge costituzionale di iniziativa popolare per l’attuazione della Separazione delle carriere nella magistratura, ha superato con successo l’iter di verifica relativo alla regolarità delle firme. La proposta di legge, incardinata con Atto della Camera dei Deputati n. 4723, verrà ora assegnata all’esame della Commissione Affari Costituzionali della Camera. Nel link il documento ufficiale della Camera dei Deputati.
https://www.facebook.com/CamerePenali/posts/1763421530399028

Riforma Ordinamento Penitenziario: via libera del Consiglio dei Ministri

Sul tema rimandiamo alla intervista a Rita Bernardini
https://www.radioradicale.it/scheda/529256/rita-bernardini-sulla-riforma-dellordinamento-penitenziario
e l’articolo sul Dubbio
https://www.facebook.com/Partito.Radicale/photos/a.10154605895055137.1073741827.305075195136/10159765036740137/?type=3&theater
Aliprandi spiega che ora l’ultimo passaggio è il parere delle commissioni competenti che può essere dato anche a camere sciolte.

Catena nonviolenta di digiuno PER IL DIRITTO ALLA CURA

2 associazioni milanesi ovvero Opera Radicale e la associazione di Radicali Itailani Associazione Enzo Tortora Radicali Milano (non la Cazzavillan) hanno avviato un digiuno a staffetta insieme a Nessuno Tocchi Caino

“Motivazioni e obiettivi dell’azione nonviolenta di digiuno
CONTINUIAMO LA LOTTA NONVIOLENTA a partire dalla salute dei detenuti sempre più vittime di abbandono sanitario spesso a causa di irresponsabili decisioni dei giudici di sorveglianza, come testimonia la vicenda di Marcello dell’Utri, più che mai rappresentativa dei tantissimi casi di detenuti che in carcere non sono adeguatamente curati persino quando sono affetti da malattie gravissime…
Ci rivolgiamo altresì, con questa nostra azione nonviolenta, agli Assessori Regionali, responsabili per la Sanità dei cittadini, affinché prevalga il diritto-dovere di cure, rispetto a qualsiasi motivazione di ordine giudiziario.
Chiediamo a tutti i cittadini a partire dai cittadini detenuti, di condividere e partecipare a questa nostra iniziativa nonviolenta che si articola in un digiuno a catena di un giorno per ogni Partecipante.
PER PARTECIPARE SCRIVERE A: operaradicale@gmail.com”

Lipparini: chiediamo le sue dimissioni..a Babbo Natale

La lettera a Babbo Natale è riportata interamente da Milano Post
https://www.milanopost.info/2017/12/20/associazione-radicale-discredito-da-lipparini-chiediamo-le-dimissioni/

Visita prenatalizia a San Vittore 

Grazie a Paolo Izzo per aver scovato questo lancio di agenzia SAN VITTORE, RADICALI: DRAMMATICO SOVRAFFOLLAMENTO, URGENTE VOTO RIFORMA ORLANDO (OMNIMILANO) Milano, 23 DIC – “Questa mattina con Gianni Rubagotti e Sabrina Molaschi, iscritti al Partito Radicale e Giacomo Forcella, responsabile enti locali del Psi Lombardia e iscritto al Partito Radicale siamo andati a fare gli auguri di Natale ai detenuti di San Vittore e al neo-direttore Giacinto Siciliano, già direttore del carcere di Opera dove aveva collaborato al Progetto del docufilm Spes contra spem. Abbiamo trovato una oramai drammatica situazione di sovraffollamento: a una capienza regolamentare di 610 posti corrispondono 1049 detenuti, 869 dei quali in attesa di giudizio”. Si legge in una nota dell’Associazione per l’Iniziativa Radicale Myriam Cazzavillan. A San Vittore, si spiega “655 sono detenuti stranieri a fronte di solo 2 mediatori culturali a chiamata (Siciliano ci ha dichiarato che interverrà per migliorare la situazione) fondamentali per tradurre quello che dicono reclusi che conoscono poco o per niente la nostra lingua; 533 sono tossicodipendenti, 312 casi psichiatrici. Dopo un 2016 privo di casi di suicidio ce ne sono stati 2 nel 2017, gli atti di autolesionismo sono passati da 85 a 194. Un quadro che riflette l’urgente bisogno che la riforma Orlando per cui da tempo si batte il Partito Radicale anche con digiuni di migliaia di detenuti venga presto approvata dal Parlamento dopo il via del Consiglio dei Ministri”. red 231945 DIC 17

Calendario dei radicali compresenti

“Tutti gli esseri che mai furono e che sono, morti e viventi, costituiscono una compresenza che s’accresce dei nati, che è tenuta insieme ed unificata dalla produzione dei valori”
Aldo Capitini

Il 5-1-16 ci lasciava, il giorno del suo compleanno, Maddalena Antona Traversi
https://iniziativaradicale.wordpress.com/2016/01/05/buon-compleanno-a-maddalena-antona-traversi/
Il 7-1-00 ci lasciava Paolo Pietrosanti
https://iniziativaradicale.wordpress.com/2016/08/31/un-radicale-dimenticato-paolo-pietrosanti/
Il 9-1-2000 ci lasciava Bruno Zevi
https://iniziativaradicale.wordpress.com/2016/01/09/bruno-zevi-ci-lasciava-oggi/
Il 9-1-14 ci lasciava Armando Crocicchio
https://iniziativaradicale.wordpress.com/2016/01/09/armando-crocicchio-ci-lasciava-3-anni-fa/
Il 10-1-11 ci lasciava Roberto Miglio
https://iniziativaradicale.wordpress.com/2017/01/10/roberto-miglio-ci-lasciava-oggi-nel-2011-2/
Il 30-1-1948 ci lasciava il Mahatma Gandhi
https://www.radioradicale.it/scheda/5091/5104-gandhi

Arretrati

Potete consultare i numeri precedenti della newsletter qui

Numero 1 (5-7-17)
Numero 2 (12-7-17)
Numero 3 (20-7-17)
Numero 4 (26-7-17)
Numero 5 (28-8-17)
Numero 6 (1-10-17)
Numero 7 (8-10-17)
Numero 8 (11-10-17)
Numero 9 (31-10-17)
Numero 10 (3-11-17)
Numero 11 (14-11-17)
Numero 12 (20-11-17)
Numero 13 (30-11-17)
Comunicato Cazzavillan (12-12-17)

Una serata sul Partito Radicale organizzata da chi lo vuol chiudere

Inviato il 12-12-17

Se non visualizzi correttamente questo comunicato clicca qui 

Una serata sul Partito Radicale

organizzata da chi lo vuol chiudere

La serata di cui puoi vedere la locandina qui sopra NON mi risulta una iniziativa per salvare il Partito Radicale (come puoi vedere NON si parla di iscrizioni nonostante senza 3000 il partito chiude).
E NON è organizzata dal Partito Radicale né dalla Associazione che si è caricata la sua sopravvivenza a Milano ma da 2 associazioni.
Una associazione di queste negli scorsi mesi ha operato per la chiusura del partito (la Associazione Enzo Tortora Radicali Milano) in quanto non solo, in violazione del suo statuto (articolo 3 https://radicalimilano.it/chi-siamo/statuto-e-regolamenti/), che tra i suoi scopi stabilisce quello di promuoverne le iniziative, non lo ha fatto ma ha anche alimentato la confusione fra lei e chi voleva mantenere vivo il Partito Radicale.
L’altra (Opera Radicale) parla del partito e della sua salvezza e i suoi membri sono compagni iscritti al Partito Radicale che finanziano la Associazione Enzo Tortora Radicali Milano e votano la sua mozione generale.
Quello che dico è ampiamente confermato da fatti, video, mail che posso citare a chi me lo chiede…ma chi verrà a sapere di questa serata in molti casi non ne è a conoscenza e in molti casi non avrò modo di informarlo.
Ho informato della situazione Bordin che credo venga come giornalista (che ovviamente ha diritto ad andare dove gli pare e sicuramente si sara’ informato sulla complessa situazione milanese) e non in rappresentanza della radio di cui comunque è la voce più conosciuta e apprezzata.
E ho parlato con Strik Lievers.

Se il partito sopravvive credo che iniziative ambigue come queste saranno nel 2018 la naturale evoluzione di quelle dell’anno scorso.
Abbiamo messo una pezza sulla Tortora che si presentava come la erede di un partito che voleva chiuso non mettendone la bandiera alla sua assemblea annuale per poi metterla a una “assemblea radicale” con Emma Bonino poco dopo.
Ora bisognerà inventarsela anche per i compagni di Opera Radicale e per i tanti compagni che opereranno con iniziative di questo tipo dato che il vecchio giochino del confondere Tortora e Partito funziona sempre meno.

Per intanto ricordo che i 3000 iscritti non sono stati raggiunti, potete aiutarci a farlo andando su http://iscrizione.partitoradicale.it oppure potete farlo al congresso di Nessuno Tocchi Caino (ignorato dalla newsletter della Tortora http://mailchi.mp/676e8fc2ab03/il-25-aprile-radicale-152017-radicali-milano-291167?e=38c206da9b e dal twitter di Opera Radicale https://twitter.com/operaradicale ) e a cui sta dando una mano la Cazzavillan, se vi siete segnalati per tempo per partecipare.

A subito per parlare di iniziative per portare avanti le battaglie di Rebibbia e non quelle per affondarle,
Gianni Rubagotti
Segretario Associazione per l’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan”

Viva il Partito Radicale!! Numero 13

Inviato il 30-11-17

Salva il Partito Radicale e le sue lotte.
Iscriviti e fai iscrivere subito, anche a rate, anche se sei iscritto ad altri partiti o detenuto a 

http://iscrizione.partitoradicale.it/

Se non visualizzi correttamente la newsletter aprila nel tuo browser

Viva il Partito Radicale!! Numero 13.

Funerale del Partito ad Alessandria,

firme PLI e non solo

Ciao <<First Name>>,

con questa lettera Paolo Izzo ha fatto una breccia nel lungomuro della mancata informazione sul Partito Radicale

“Non mi stupirò affatto (e ve lo scrivo anche per essere smentito) se sui giornali di domani non leggerò dettagliati articoli sull’esito dell’incontro di stasera del ministro della giustizia con Rita Bernardini e Deborah Cianfanelli, della presidenza del Partito Radicale. Un silenzio stampa pressoché tombale ha già accompagnato il coraggioso digiuno che le due Radicali doc hanno portato avanti per un mese intero, proprio per “dialogare” con Andrea Orlando e affinché il Governo finalmente emani i decreti attuativi che il ministro stesso ha predisposto per la riforma del sistema penitenziario. I cronisti politici e giudiziari, in effetti, devono essere troppo impegnati con la miriade di personaggetti e partitelli – che danno tanto lavoro ai primi quanto ai secondi – perché si trovi anche un piccolo spazio per il prosieguo delle battaglie che furono del compianto Marco Pannella. Così, il silenziamento delle sue iniziative nonviolente su carceri, giustizia e Stato di diritto, appare tristemente come l’unica eredià che il leader radicale abbia lasciato al Partito da lui fondato e che, se non raggiunge i 3000 iscritti entro la fine di quest’anno, rischia persino di chiudere. Lasciandoci tutti un po’ orfani, vieppiù per la seconda volta.

© Paolo Izzo”
potete leggere questa e altre lettere con cui Paolo fa breccie sui quotidiani sul suo blog https://letteretiche.wordpress.com
Queste lettere si trasformano quasi ogni settimana in una trasmissione radiofonica su Radio Radicale, e questa non ha fatto eccezione https://www.radioradicale.it/scheda/525737/lettere-eretiche-intervista-a-paolo-izzo-e-federico-tulli-sulliniziativa-nonviolenta
Infine, per saperne qualcosa di più su cosa è il lungomuro, soprattutto se abitate fuori Ostia, guardatevi il dibattito “Presentazione del docufilm “Roma ha il suo mare. Ora lo sa” prodotto da Arcipelago 21″ organizzato proprio da Izzo nella sede del Partito Radicale a Roma.
Ci vediamo giovedì sera a “La Ringhiera” in Ripa di Porta Ticinese, 5 a Milano per l’aperitivo settimanale del Partito.

A subito!
Gianni Rubagotti
 segreteria@iniziativaradicale.it

Al Pli servono disponibilità a Firmare

Il PLI – Partito Liberale Italiano cerca disponibilità a firmare per la sua presentazione autonoma alle elezioni nel caso non dovesse chiudere l’accordo con altre forze politiche. Non si tratta di una firma (che comunque lascerebbe liberi di votare chi si vuole) ma di una disponibilità a farla. Il PLI è l’unica forza politica il cui Presidente Stefano De Luca e il Segretario Giancarlo Morandi sono iscritti al Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito Molti dirigenti lo sono e sono attivi nella nostra campagna iscrizioni: quindi io mi dichiaro disponibile a farlo e invito tutti a fare come me mandando una mail con oggetto “sono disponibile a firmare per il PLI” e nella mail proprio nome e cognome ed eventualmente un numero di telefono a segreteria@partitoliberale.it mettendo in copia segreteria@iniziativaradicale.it per evitare vadano perse se vanno in spam. Nessuna altra forza politica che ha aiutato il partito mi risulta abbia questo problema, nel caso cercheremo di dare una mano anche a loro.

Ad Alessandria Il Primo Funerale Del Partito Radicale

Scusandomi di non avervi avvisato che il Funerale a Milano è stato rimandato ecco il comunicato per quello che si tiene domenica ad Alessandria
Un funerale simulato per scongiurare quello vero.
È questo il senso dell’iniziativa che avrà luogo domenica 3 dicembre dalle ore 15,30 quando un “corteo funebre”, bara in spalle, attraverserà le vie del centro alessandrino per informare tutti i cittadini che se il Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito non dovesse raggiungere quota 3000 iscritti entro il 31/12 sarebbe costretto alla chiusura, così come previsto dalla mozione congressuale approvata a Rebibbia.
Le esequie sfileranno per ricordare ai cittadini l’urgenza di salvare le tante battaglie che il Partito Radicale ha condotto e sta conducendo: dagli Stati Uniti d’Europa, alla battaglia sulla Giustizia Giusta, a quella per il diritto Umano alla Conoscenza, lotte che scomparirebbero se il partito non raggiungesse quota 3000 iscritti.
Il corteo partirà da Piazzetta della Lega alle ore 15,30.
Per info e iscrizioni: http://www.radicalparty.org/it e http://iscrizione.partitoradicale.it/
L’iniziativa verrà poi replicata a Milano e in altre città del nord.

I Giardini Pannella sul Corriere (24-11-17)


Ecco la lettura parziale dell’articolo fatta da Massimo Bordin a Stampa e Regime https://www.youtube.com/watch?v=Ab4E5bmN-g8
Nicola Fortuna è poi intervenuto su Radio Radicale al termine della trasmissione di Diego Sabatinelli https://www.radioradicale.it/scheda/526786/trasmissione-quota-3001-a-cura-diego-sabatinelli-in-collegamento-matteo-angioli-mario

Ecco il comunicato di risposta, ignorato dai media

Giardini Pannella: Del Corno, Fa El Tò Mestee

L’Assessore Del Corno ha dichiarato oggi al Corriere della Sera “saremo al loro fianco” (non si sa se usando il plurale dei nobili o parlando a nome di chi altri). Ma a condizione che i promotori dell’iniziativa per intitolare i Giardini Pannella rinuncino al luogo proposto anche dal Consiglio Comunale con un Del Corno che allora parlando a nome della giunta non ebbe nulla da ridire. E lo facciano per chiedere un’aula di Tribunale o la biblioteca di un carcere che come è noto non dipendono dall’Assessore di Milano ma dal Ministero della Giustizia.
L’offerta, fatta con la generosità di chi offre qualcosa che non è suo e non gli compete, è stata proposta dopo un anno dal voto del Consiglio Comunale al Corriere della Sera e non a chi sta portando avanti questa battaglia né mi risulta che sia stato detto nulla alla Comunità Ebraica che l’aveva proposta.
Della saggezza popolare milanese fa parte il proverbio “Offelee, fa el tò mestee” e nel mestiere di Assessore non fa parte occuparsi di intitolazioni di beni sottoposti al Ministro Orlando né di chiedere a noi di farlo.
Anche perché Il Partito Radicale e il Ministro sono impegnati in ben altro adesso, e cioè nel portare a casa la riforma dell’esecuzione penale che portare miglioramenti alla vita dei detenuti a cui tanto Marco Pannella teneva ed evitare una nuova sentenza Torreggiani.
Con questo obiettivo migliaia di detenuti hanno più volte rinunciato al cibo (il loro, non quello di altri) e Rita Bernardini ha sostenuto più scioperi della fame di un mese rischiando seriamente la salute.
Del mestiere di Assessore invece potrebbe far parte chiarire se quando ha dichiarato a Libero il 24 Gennaio scorso “Come nuova amministrazione abbiamo deciso di non concedere eccezioni ad una legge di buon senso” intendeva con le parole “nuova amministrazione” se stesso o la giunta.
Una recente interrogazione fatta dal consigliere Fabrizio De Pasquale di Forza Italia che gli ha chiesto in quale seduta di giunta precedente a quella data fosse stata presa quella decisione ha una risposta dove la data di quella seduta non la vedo e semprel De Pasquale a Radio Radicale ha dichiarato “per quello che posso vedere io prima c’è stata un’intervista su questo e poi sono arrivati gli indirizzi approvati dalla giunta. Una cosa politicamente disdicevole”.
Casuamente poco dopo quella intervista Sala proponeva la via Umberto Eco per cui era necessaria la deroga.
Sempre del mestiere di Assessore potrebbe far parte chiarire se ai promotori della intitolazione di un bene a Fo (non al Corriere in questo caso) già nell’autunno scorso sia stato detto in privato che un bene non in deroga lo avrebbero concesso mentre ancora a gennaio su Libero l’assessore dichiarava “10 anni sono un tempo ragionevole per valutare l’opportunità di questa decisione” riferendosi alla intitolazione di beni in deroga.
Ovviamente poi per farsene bastare 8 di anni per decidere che il ponte sui Navigli verrà dedicato ad Alda Merini.
Insomma l’Assessore non è sicuramente un Offelee, un pasticcere.
Qualche cattivone potrebbe dire che un “cicinin” pasticcione ma per per rispetto della figura istituzionale sentitamente dissento.
Gianni Rubagotti.

Il Capogruppo Rienzo nell’Anagrafe degli eletti di Paderno Dugnano 2014

immagine

Comunicazione Comunicazione-intervento Firma Interpellanza Interpellanza risposta Odg – firma Odg – lettura Odg – Intervento Nomina – intervento Deliberazione Deliberazione – intervento
0 1 0 0 3 0 6 1 0 1
23/06/14 1   Presenza 23/06/14
23/06/14 3 19:24 Composizione Giunta
22/07/2014 3 17:10 Elezione Presidente consiglio comunale
22/07/2014 2 23:04 Elezione Sindaco Metropolitano
22/07/2014 8 30:05 Linee programmatiche
22/07/14 2 0:00 Elezione Sindaco Metropolitano
29/09/14 3 29:00 8×1000 per edilizia scolastica
28/10/14 1 19:57 Sostegno del referendum consultivo per la Regione Lombardia a Statuto speciale
28/10/14 1 32:09 Sostegno del referendum consultivo per la Regione Lombardia a Statuto speciale
28/10/14 3 4:10 misure per la rigenerazione territoriale negli ambiti interessati dalla presenza di bacini idrografici presentato
27/11/14 4 Fiume Seveso
27/11/14 5 28:13 Commissione speciale Rho-Monza
18/12/14 1 29:18 Partecipazione popolare
18/12/14 2 16:24 Regolamento per l’alienazione dei beni immobili di proprietà comunale