Viva il Partito Radicale!! Numero 18

Spedito il 30-3-18

Salva il Partito Radicale e le sue lotte.
Iscriviti e fai iscrivere subito, anche a rate, anche se sei iscritto ad altri partiti o detenuto a 

http://iscrizione.partitoradicale.it/

Se non visualizzi correttamente la newsletter aprila nel tuo browser

Viva il Partito Radicale!! Numero 18.

Pasqua di risurrezione per lo stato di

diritto?

Ciao,

il 27 marzo scorso il Dubbio in “Un bel bezzo di Damiano Aliprandi” (cit. Mauro Toffetti, Presidente di quella associazione) ha definito Opera Radicale “L’associazione milanese del Partito Radicale” che nel mio italiano significa che è l’unica a Milano che si occupa del partito.
Damiano Aliprandi, tra l’altro, mi conosce via facebook.
Durante la rassegna stampa a Radio Radicale è stato letto questo passaggio senza commenti.

Volevo rassicurarvi che gli iscritti e militanti della Cazzavillan sono (siamo) vivi e vegeti e stiamo tutti bene (a parte Diego Mazzola che ha qualche acciacco dovuto all’età ma dopo i 70 ci sta).

Potrete verificarlo di persona all’aperitivo che faremo alle 1930 dell’12 aprile al bar La Ringhiera in via ripa di porta ticinese 5 a Milano (Evento facebook https://www.facebook.com/events/211351919614247 )

Dicono che le fake news sulla morte allungano la vita.
Speriamo.

Buona Pasqua e… a subito.
Gianni Rubagotti
 segreteria@iniziativaradicale.it

Riforma dell’ordinamento penitenziario approvata:
ora si termini il lavoro

Comunicato dell’Unione delle camere Penali (http://www.camerepenali.it/cat/9081/la_riforma_dell’ordinamento_penitenziario_è_approvata,_ora_si_termini_il_lavoro.html)
L’Unione delle Camere Penali Italiane esprime soddisfazione per la decisione del Consiglio dei Ministri di approvare la riforma dell’ordinamento penitenziario, auspica che l’iter per la formalizzazione dell’approvazione sia completato in tempi brevi; vigilerà attentamente a tal fine, e perché prosegua l’attività volta a migliorare la condizione nelle carceri, rammentando, tra l’altro, che più di un terzo della popolazione carceraria è costituita da persone in attesa di giudizio e, dunque, di presunti innocenti.

L’Unione delle Camere Penali Italiane esprime soddisfazione per la decisione del Consiglio dei Ministri di approvare la riforma dell’ordinamento penitenziario, senza le modifiche indicate dalle Commissioni Giustizia di Camera e Senato che, di fatto, avrebbero svuotato di significato la riforma che, contrariamente a quanto sostenuto da taluno, garantisce maggiore sicurezza ai cittadini, attuando principi costituzionali. Chi è ammesso all’esecuzione di pene alternative, rispetto alla detenzione in carcere, una volta scontata la pena difficilmente delinque di nuovo, come riportato dai dati statistici ministeriali. Gli stessi dati statistici ricordano che circa 70 per cento di coloro che scontano la pena in carcere, una volta eseguita la pena commette altri reati, mentre la percentuale di recidiva è bassissima per chi svolge un lavoro e ottiene misure alternative al carcere. L’UCPI osserva, inoltre, che le misure adottate non consentono automatismi e richiedono la valutazione del giudice per la proficuità del trattamento, caso per caso. Non è vero, dunque, che si tratti di un provvedimento svuota carceri, inoltre per taluni reati sono rimaste invariate talune preclusioni. L’UCPI ringrazia tutti i penalisti italiani, il proprio Osservatorio Carcere, e tutti i numerosi firmatari dell’appello al Governo per l’approvazione della riforma, che insieme a Rita Bernardini, fino all’ultimo, hanno spinto il governo a mantenere, sia pure tardivamente, gli impegni presi e a tenere conto del lavoro svolto nel corso di tre anni da accademici, magistrati e avvocati con gli Stati Generali dell’esecuzione voluti dal ministro Orlando. L’UCPI auspica, infine, che l’iter per la formalizzazione dell’approvazione sia completato in tempi brevi e vigilerà attentamente a tal fine, e perché prosegua l’attività volta a migliorare la condizione nelle carceri, rammentando, tra l’altro, che più di un terzo della popolazione carceraria è costituita da persone in attesa di giudizio e, dunque, di presunti innocenti.

Roma, 16 marzo 2018

La Giunta

Visita al carcere di Voghera 24-3-18: rassegna stampa

La Provincia pavese 25-3-18

Ripartono da Vigevano le visite alle carceri
http://www.vigevano24.it/2018/03/23/leggi-notizia/argomenti/attualita-11/articolo/ripartono-da-vigevano-le-visite-alle-carceri.html
ripreso da ristretti.org
http://www.ristretti.org/Le-Notizie-di-Ristretti/lombardia-le-visite-alle-carceri-dei-radicali-ripartono-da-vigevano

Ripartono da Vigevano le visite alle carceri
https://www.ticinonotizie.it/ripartono-vigevano-le-visite-alle-carceri/

Ripartono da Vigevano le visite alle carceri
http://www.mi-lorenteggio.com/news/59749

Carcere di Vigevano: pena di noia per 400 detenuti
http://www.vigevano24.it/2018/03/24/leggi-notizia/argomenti/attualita-11/articolo/carcere-di-vigevano-pena-di-noia-per-400-detenuti.html

Amnistia, carceri, detenuti, reinserimento e lavoro: le news ad oggi 27 marzo 2018
https://www.contattonews.it/2018/03/27/amnistia-carceri-detenuti-reinserimento-e-lavoro-le-news-ad-oggi-27-marzo-2018/693924/

Resoconto visita al carcere di Vigevano 24-3-18
https://www.youtube.com/watch?v=OBcvOlQjFHc

Torna il #PannellaMay: 2 anticipazioni

Giardini Pannella a Mantova? Francesco Monelli ne ha parlato martedì scorso a Radio Radicale.
https://www.youtube.com/watch?v=igLT1iiQ2T0

Per un parco Spinelli-Pannella a Paderno Dugnano
https://bloglascommessa.com/2018/03/24/cassina-amata-rubagotti-propone-di-dedicare-parco-spinelli-anche-a-pannella/

Un garante radicale a Busto Arsizio

Matteo Tosi si dimette dal Consiglio Comunale di Busto Arsizio “Farò il garante dei detenuti. Invito Antonelli e Mariani a fare la tessera dei Radicali”
http://www.informazioneonline.it/faro-garante-dei-detenuti-invito-antonelli-mariani-la-tessera-dei-radicali/

Calendario dei radicali compresenti

“Tutti gli esseri che mai furono e che sono, morti e viventi, costituiscono una compresenza che s’accresce dei nati, che è tenuta insieme ed unificata dalla produzione dei valori”
Aldo Capitini

Arretrati

Potete consultare i numeri precedenti della newsletter qui

Numero 1 (5-7-17)
Numero 2 (12-7-17)
Numero 3 (20-7-17)
Numero 4 (26-7-17)
Numero 5 (28-8-17)
Numero 6 (1-10-17)
Numero 7 (8-10-17)
Numero 8 (11-10-17)
Numero 9 (31-10-17)
Numero 10 (3-11-17)
Numero 11 (14-11-17)
Numero 12 (20-11-17)
Numero 13 (30-11-17)
Comunicato Cazzavillan (12-12-17)
Numero 14 (24-12-17)
Numero 16 (16-2-18)
Numero 17 (22-2-18)

Viva il Partito Radicale!! Numero 17. 

Spedito il 22-2-18

Salva il Partito Radicale e le sue lotte.
Iscriviti e fai iscrivere subito, anche a rate, anche se sei iscritto ad altri partiti o detenuto a 

http://iscrizione.partitoradicale.it/

Se non visualizzi correttamente la newsletter aprila nel tuo browser

Viva il Partito Radicale!! Numero 17.

Ordinamento penitenziario,

il governo mette in standby la

costituzione

Ciao << Test First Name >>,

non avendo parole ti giro quelle di Rita Bernardini
“Carceri: Bernardini (PR), governo mette riforma nel cassetto
(ANSA) – ROMA, 22 FEB – “Il Consiglio dei Ministri ha deciso oggi di mettere nel cassetto la riforma dell’ordinamento penitenziario. Lo ha fatto nel peggiore dei modi, ipocritamente licenziando preliminarmente altri tre decreti delegati che devono ancora compiere tutto l’iter dei pareri delle commissioni giustizia di camera e senato. Quello sulle pene alternative, che aveva gia’ compiuto un passaggio nelle commissioni e che avrebbe richiesto solo 10 giorni di tempo per la definitiva approvazione, lo hanno messo in stand by, a futura memoria”. Lo dice l’esponente del partito radicale Rita Bernardini.
” Il Presidente del Consiglio Gentiloni – aggiunge – ha parlato di approvazione nei prossimi mesi. Arrogantemente ritiene di conoscere gia’ i risultati elettorali, probabilmente pensa che gli esiti di una legge elettorale incostituzionale saranno quelli da lui e da Napolitano previsti.
Fra quanto detto oggi da Gentiloni al termine del Consiglio dei Ministri si paventa “il rischio che il sistema, senza correzioni, non e’ sufficientemente efficace a ridurre la recidiva”. Come dimostrano tutti gli studi in materia, non c’e’ il rischio, c’e’ la certezza che il carcere per come e’ oggi (inumano e degradante) sia la fabbrica della recidiva.
Da parte sua, il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, accusa il colpo pur avendo gestito nel peggiore dei modi il cammino della riforma dell’ordinamento penitenziario iniziato positivamente nel 2015 con gli Stati Generali dell’esecuzione penale. Non si doveva arrivare, come il Partito Radicale ha più volte ammonito, a ridosso della scadenza elettorale, occorreva essere veramente forza di governo, capace di gestire le situazioni soprattutto in presenza di violazione di diritti umani fondamentali gia’ sanzionata pesantemente nel 2013 dalla Corte Europea dei diritti dell’Uomo. Letteralmente calpestato il dialogo messo in moto con il Satyagraha di 10.000 detenuti, di centinaia di cittadini “liberi”, dei Garanti nazionali, del mio sciopero della fame e con la clamorosa presa di posizione a favore della riforma di oltre 300 giuristi, avvocati, magistrati e professori”.”

A subito, .
Gianni Rubagotti
 segreteria@iniziativaradicale.it

Sciopero DEL VOTO: assemblea pubblica a Milano questa domenica

INIZIATIVA DELLA LISTA PANNELLA

DOMENICA 25 ORE 15.00
MILANO
VIA CONTE ROSSO, 5 C/O CIRCOLO ACLI
GUIDO BIANCARDI, VINCENZO OLITA, SERGIO RAVELLI,
GIANNI RUBAGOTTI, EMILIANO SILVESTRI,
MAURO TOFFETTI, MAURIZIO TURCO.

ELEZIONI POLITICHE * 4 MARZO 2018

per la transizione verso lo Stato di Diritto democratico federalista laico il Parlamento è stato eletto per tre legislature con una legge anticostituzionale chiamata Porcellum. La “nuova” legge elettorale cambiata a poche settimane dal voto, tra l’altro impone alla maggioranza degli elettori di dare parte del voto a liste e partiti che non vorrebbero votare. Negando il diritto ad essere informati per poter decidere tv, radio e giornali, condizionano i cittadini. La crisi economica, sociale e democratica è il prodotto di politiche sbagliate fatte da chi controlla anche i mezzi di comunicazione, non dei cittadini. Non essere complice di questa menzogna, fai lo
SCIOPERO DEL VOTO
votando scheda bianca o nulla o non andando a votare
Evento facebook: https://www.facebook.com/events/1658537530860609/

La mozione generale 2018 della Cazzavillan

Ripreso da https://iniziativaradicale.wordpress.com/2018/02/16/la-mozione-generale-2018/L’assemblea annuale degli iscritti dell’“Associazione Per L’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan”, riunita presso la sede del Partito Socialista Italiano in via Andrea Costa 20A, che generosamente ci ospita.
approva
la relazione di tesoreria e del segretario
ringrazia
chi si è attivato in questi mesi per portare avanti gli obiettivi della mozione dello scorso anno contribuendo al “miracolo laico” delle 3000 iscrizioni raggiunte e superate dal Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito
dichiara
che si dissocia dai compagni che hanno chiesto alla attuale dirigenza del Partito di cambiare la mozione votata a Rebibbia considerando questa proposta offensiva per tutti i compagni che hanno partecipato a quel congresso, anche di chi quella mozione non ha votato.
impegna
il segretario a verificare se ci sono e le condizioni finanziare, politiche e organizzative per poter portare avanti gli obiettivi della mozione dello scorso anno anche nel 2018.
il segretario ad incrementare i momenti di confronto sia interno sia esterno all’associazione, come strumenti fondanti delle scelte politiche e programmatiche (1)
Invita
gli iscritti della associazione a destinare il loro 5 per 1000 alla Associazione Italian Amala Onlus
delibera
che la quota di iscrizione annuale all’Associazione per l’anno associativo 2017 è fissata a 30€ (consigliata 35) ed è ridotta per chi era iscritto al P.R.N.T.T. nel 2017 o è iscritto nel 2018 a 10 euro (consigliati 15) tranne per i detenuti iscritti al Partito per i quali l’iscrizione è gratuita.
Aggiornamento 3 2 18
Firme
Gianni Rubagotti
Lukas Dvorak
(terza firma non leggibile)
(1) seconda parte dell’emendamento Mancarella accolta nella mozione generale. La prima è stata respinta dalla assemblea
La assemblea alla unanimità ha rieletto come tesoriere Lukas Dvorak e come segretario Gianni Rubagotti

Potete vedere l’assemblea a questo link
https://www.youtube.com/watch?v=0WgnifSfUd0&t=1442s&index=1&list=PLaNmrWWZDYs3Gy5LYlf37ApfDz1qPdZOt

Calendario dei radicali compresenti

“Tutti gli esseri che mai furono e che sono, morti e viventi, costituiscono una compresenza che s’accresce dei nati, che è tenuta insieme ed unificata dalla produzione dei valori”
Aldo Capitini

Nessun nome da ricordare a marzo (segnalateceli se ne conoscete) ma le scuse per non aver ricordato Mario Pannunzio a Febbraio (ci ha lasciato il 10 febbraio 1968)
https://www.radioradicale.it/scheda/52108/52172-mario-pannunzio-cittadino-dellitalia-civile

Arretrati

Potete consultare i numeri precedenti della newsletter qui

Numero 1 (5-7-17)
Numero 2 (12-7-17)
Numero 3 (20-7-17)
Numero 4 (26-7-17)
Numero 5 (28-8-17)
Numero 6 (1-10-17)
Numero 7 (8-10-17)
Numero 8 (11-10-17)
Numero 9 (31-10-17)
Numero 10 (3-11-17)
Numero 11 (14-11-17)
Numero 12 (20-11-17)
Numero 13 (30-11-17)
Comunicato Cazzavillan (12-12-17)
Numero 14 (24-12-17)
Numero 16 (link mailchimp)

Viva il Partito Radicale!! Numero 16.

Spedito il 16-2-18

Salva il Partito Radicale e le sue lotte.
Iscriviti e fai iscrivere subito, anche a rate, anche se
sei iscritto ad altri partiti o detenuto a

http://iscrizione.partitoradicale.it/

Se non visualizzi correttamente la newsletter aprila nel tuo browser

Viva il Partito Radicale!!

Numero 16. Volantinaggi per salvare

la riforma penitenziaria:

serve il tuo aiuto

Ciao,

sono le ultime ore per salvare i decreti attuativi che riformano l’ordinamento penitenziario: per aiutare il satyagraha in corso continuiamo la nostra campagna elettorale fatta di momenti informativi agli eventi degli altri partiti.
Questa domenica
alle 12 e alle 14 alla Cooperativa Antonio Labriola Via Enrico Falck 51, 20151 Milano per questo evento
https://www.facebook.com/events/1427425987384518/
con un passaggio al tavolo dei 5 stelle in Piazza XXV Aprile Milano https://www.facebook.com/events/155931221774729/
poi alle 16 al murale di Niguarda e prima delle 21 al Teatro della Cooperativa
https://www.facebook.com/events/148911795752649/

Sono previsti volantinaggi anche per martedì, all’arrivo di Gentiloni a Milano al Teatro di Milano Via Fezzan 11, 20146 Milano dalle 1630
https://www.facebook.com/events/2079289852358305/
e alla presentazione dei candidati 5 stelle al Blues Café di Viale Bodio dalle 20
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1803827149637206&set=a.703409126345686.1073741825.100000298161690&type=3&theater

Serve anche il tuo aiuto, contattami a segreteria@iniziativaradicale.it .
Gianni Rubagotti
 segreteria@iniziativaradicale.it

GRANDE SATYAGRAHA dedicato a MARCO PANNELLA

Ripreso da http://www.radicalparty.org/it/content/grande-satyagraha-dedicato-marco-pannellasiamo ormai alla stretta finale per ottenere o meno la definitiva approvazione dei decreti delegati di riforma dell’Ordinamento Penitenziario che deve necessariamente avvenire prima del 4 marzo, giorno del voto per le elezioni politiche. Dopo il voto, infatti, ci saranno un nuovo Parlamento e un nuovo Governo, sempre che riescano a farlo un governo. Dopo le elezioni tutto ricomincerà da capo e il lavoro di tre anni iniziato con gli Stati Generali dell’esecuzione penale andrà letteralmente in fumo. Dobbiamo assolutamente scongiurarlo.

Con il Satyagraha che è ripreso dalla mezzanotte del 22 gennaio chiediamo espressamente a Governo e Commissioni Giustizia di Camera e Senato (che devono fornire i pareri sui decreti, pareri obbligatori ma non vincolanti per il Governo) di assicurare la definitiva approvazione entro la fine di febbraio e di aggiungere urgentemente i decreti mancanti, in particolare, quelli riguardanti il lavoro e l’affettività in carcere.

Ti preghiamo di fare il massimo sforzo per far giungere al Partito Radicale il più presto possibile quante più firme e adesioni possibili perché la condizione delle carceri e dell’esecuzione penale nel nostro Paese hanno raggiunto livelli di mancato rispetto delle normative e della Costituzione che dovrebbero allarmare tutti coloro che ancora credono nei valori della democrazia e dello Stato di diritto.

I moduli (scarica PDF) con le firme vanno spediti a

– Partito Radicale, Via di Torre Argentina 76 – 00186 ROMA

– oppure per email a bernardini.rita@gmail.comPer le adesioni individuali, è necesario compilare il modulo online (link)

Arretrati

Potete consultare i numeri precedenti della newsletter qui

Numero 1 (5-7-17)
Numero 2 (12-7-17)
Numero 3 (20-7-17)
Numero 4 (26-7-17)
Numero 5 (28-8-17)
Numero 6 (1-10-17)
Numero 7 (8-10-17)
Numero 8 (11-10-17)
Numero 9 (31-10-17)
Numero 10 (3-11-17)
Numero 11 (14-11-17)
Numero 12 (20-11-17)
Numero 13 (30-11-17)
Comunicato Cazzavillan (12-12-17)
Numero 14 (24-12-17)

Accuse di Berté alla Radio e a me (2 di 3)

“3 A Radio Radicale si sente solo me da Milano e non c’è spazio per i compagni storici. ” dice Berté.

Ecco un elenco abbozzato di interventi di altri compagni coinvolti in iniziative milanesi intervenuti. Forse quello che dà fastidio a Berté è proprio che troppe nuove voci sono arrivate e chi non si è impegnato nella campagna iscrizioni o chi non si è impegnato in nulla è stato messo in ombra?

Compagni
Alessandro Celuzza
https://www.youtube.com/watch?v=gTRM71TyklI
Daniele Iglina
https://www.youtube.com/watch?v=-TC451Jro5w
https://www.youtube.com/watch?v=czcVW2ut-rM
https://www.youtube.com/watch?v=2kAcv2zwZZ8&t=96s
Diego di Pierro
https://www.youtube.com/watch?v=0seer2kzOGY&t=164s
Giacomo Maria Forcella
https://www.youtube.com/watch?v=A1t6B_zx8uA&t=84s
https://www.youtube.com/watch?v=0ENGbDSLsPI
Giancarlo Morandi
https://www.youtube.com/watch?v=l5tT9PZk8P8&t=168s
Giovanni Bucci (credo invitato da D’Elia, ma evidentemente se mio veto c’è stato è stato ininfluente) https://www.youtube.com/watch?v=TponPQo2I78
Ilda Riedmiller
https://www.youtube.com/watch?v=Na4VOoqjaYk&t=144s
Lorenzo Cinquepalmi
https://www.youtube.com/watch?v=A1t6B_zx8uA&t=84s
https://www.youtube.com/watch?v=ebogckQ3GBE&t=3s
https://www.youtube.com/watch?v=0ENGbDSLsPI
https://www.youtube.com/watch?v=noZnFuX8OL8&t=149s
https://www.youtube.com/watch?v=Qj5E4flbXsw&t=321s
Lucio Berté
https://www.youtube.com/watch?v=zvueJdWV8D0
https://www.youtube.com/watch?v=5nd4tI9nWS0
Lukas Dvorak
https://www.youtube.com/watch?v=jcSxc0F9Z-I&t=12s
https://www.youtube.com/watch?v=Bx9oeGvBvb8&t=5s
Maria Teresa Molaschi
https://www.youtube.com/watch?v=dQr8RBzjsdI&t=101s
Matteo Tosi
https://www.youtube.com/watch?v=Sh_8_FQDuJA&t=134s
Mauro Toffetti
https://www.youtube.com/watch?v=N5z2qLQC2NA
https://www.youtube.com/watch?v=UclF1Ppvg8c
Massimo Mancarella
https://www.youtube.com/watch?v=t3TYeaDJprc&t=262s
https://www.youtube.com/watch?v=EMWvJzOsjdw&t=2s
Nicola Fortuna
https://www.youtube.com/watch?v=EYtt2oA9_zg&t=28s
https://www.youtube.com/watch?v=_mNfq366tx8&t=4s
Silvia Molè
https://www.youtube.com/watch?v=mn2X5OA15DY&t=7s

Non iscritti
Elena Buscemi, consigliere comunale PD di Milanohttps://www.youtube.com/watch?v=6d1w2-u8DBg
Fabrizio De Pasquale, consigliere comunale FI di Milanohttps://www.youtube.com/watch?v=wrdDFyMq_co&t=352s
Luca Marsico, consigliere regionale FI https://www.youtube.com/watch?v=pxLS0DdDaq4
Oscar Strano, Presidente del Consiglio del Municipio 4 di Milanohttps://www.youtube.com/watch?v=-TC451Jro5w
Simonetta D’Amico, consigliere comunale PD di Milanohttps://www.youtube.com/watch?v=A-Z9kFdcWsI&t=9s

Accuse di Berté alla Radio e a me (1 di 3)

Lucio Berté quando sono andato a trovarlo ieri al Policlinico ha fatto 3 accuse (ed era lucidissimo):
1 il partito ha appoggiato poco la sua catena (condivisa dal presente Fabrizio Pesoli, segretario di Opera Radicale)
2 per colpa mia non è più andato alla trasmissione di Diego Sabatinelli
3 A Radio Radicale si sente solo me da Milano e non c’è spazio per i compagni storici.
Mi bevo l’ennesimo bicchiere di fiele versato da un compagno da quando mi sono impegnato per il partito a Milano e inizio a rispondere alla seconda accusa.
Come anche Lucio Berté ha dovuto riconoscere sono io che ho chiesto a Sabatinelli di dargli spazio e nel maggio 2017 ha avuto spazio per il suo intervento in
3,
ripeto,
3 serate successive
della trasmissione di Diego, l’unica dove il curatore prende in considerazione i miei suggerimenti. Potete andare voi sull’archivio della Radio a cercare un’altra trasmissione che gli ha dato altrettanto spazio.
Basta poi conoscere un minimo Diego (appunto parlare per conoscenza e non per fantasia o per voglia di buttare discredito su qualcuno per meglio non vedere le magagne di altri) per sapere che mi manderebbe affanculo se io mettessi il veto su qualcuno nella SUA trasmissione.
Ieri ho chiamato Diego che mi ha confermato che NESSUNA preclusione c’è sull’ospitare Berté per parlare delle sue iniziative, ovviamente inerenti alle battaglie del partito.

Trasmissione del 16-5-17
https://www.radioradicale.it/scheda/509133/divorziobreveit-trasmissione-della-lega-italiana-per-il-divorzio-breve

Trasmissione del 23-05-2017
https://www.radioradicale.it/scheda/509853/divorziobreveit-trasmissione-a-cura-della-lega-italiana-per-il-divorzio-breve

Trasmissione del 30.05.2017
https://www.radioradicale.it/scheda/510516/divorziobreveit-trasmissione-della-lega-italiana-per-il-divorzio-breve

 

 

 

Domani ore 15 conferenza stampa Lista Pannella sciopero del voto a Milano poi Assemblea

Domani, domenica 25 alle ore 15 in via Conte Rosso 5 presso la Acli Lambrate  conferenza stampa di Maurizio Turco della Lista Pannella sullo sciopero del voto.
Cogliamo l’occasione per informarvi che di seguito ci sarà una assemblea pubblica aperta a tutti i cittadini.

Di seguito il link al volantino nazionale

sciopero del voto fronte ver1_Layout 1

La mozione generale 2018

Ecco la mozione generale approvata dall’Assemblea Annuale della Associazione per l’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan” (7 favorevoli, 1 astenuto, 1 contrario).

L’assemblea annuale degli iscritti dell’“Associazione Per L’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan”, riunita presso la sede del Partito Socialista Italiano in via Andrea Costa 20A, che generosamente ci ospita.
approva
la relazione di tesoreria e del segretario
ringrazia
chi si è attivato in questi mesi per portare avanti gli obiettivi della mozione dello scorso anno contribuendo al “miracolo laico” delle 3000 iscrizioni raggiunte e superate dal Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito
dichiara
che si dissocia dai compagni che hanno chiesto alla attuale dirigenza del Partito di cambiare la mozione votata a Rebibbia considerando questa proposta offensiva per tutti i compagni che hanno partecipato a quel congresso, anche di chi quella mozione non ha votato.
impegna
il segretario a verificare se ci sono e le condizioni finanziare, politiche e organizzative per poter portare avanti gli obiettivi della mozione dello scorso anno anche nel 2018.
il segretario ad incrementare i momenti di confronto sia interno sia esterno all’associazione, come strumenti fondanti delle scelte politiche e programmatiche (1)
Invita
gli iscritti della associazione a destinare il loro 5 per 1000 alla Associazione Italian Amala Onlus
delibera
che la quota di iscrizione annuale all’Associazione per l’anno associativo 2017 è fissata a 30€ (consigliata 35) ed è ridotta per chi era iscritto al P.R.N.T.T. nel 2017 o è iscritto nel 2018 a 10 euro (consigliati 15) tranne per i detenuti iscritti al Partito per i quali l’iscrizione è gratuita.
Aggiornamento 3 2 18
Firme
Gianni Rubagotti
Lukas Dvorak
(terza firma non leggibile)
(1) seconda parte dell’emendamento Mancarella accolta nella mozione generale. La prima è stata respinta dalla assemblea
La assemblea alla unanimità ha rieletto come tesoriere Lukas Dvorak e come segretario Gianni Rubagotti
Immagine
Immagine.jpg

proposta di Regolamento per Assemblea annuale Cazzavillan 10-2-18 

basata su quello dello scorso anno

1. Ogni iscritto all’Associazione può fare emendamenti alle proposte di Ordine dei lavori e di Regolamento per iscritto alla Segreteria di Presidenza; gli emendamenti non possono essere sub-emendati. 
Gli emendamenti vengono illustrati dai presentatori con interventi della durata massima di 2 minuti. Su ognuno di essi la Presidenza ammette una dichiarazione di voto favorevole e una contraria della durata massima di 1 minuto. 
Ogni iscritto può presentare un solo emendamento, anche complessivo, sull’Ordine dei lavori e uno sulle norme regolamentari. 
2. Ogni partecipante può proporre Mozioni d’ordine alla Presidenza, che le accetta dando loro esecuzione, o le dichiara insindacabilmente inammissibili o le sottopone al voto dell’Assemblea, consentendone l’illustrazione per una durata massima di 2 minuti e dando la parola per dichiarazione di voto, una a favore e una contraria, della durata massima di 1 minuto. 
Le Mozioni d’ordine non possono comunque modificare le norme regolamentari votate all’inizio dell’Assemblea. 
Le Mozioni d’ordine devono essere presentate per iscritto alla Segreteria di Presidenza e non possono interrompere un intervento in corso. 
3. Al dibattito possono intervenire tutti i presenti anche se non iscritti all’Associazione. Gli interventi nel dibattito sono di una durata massima di 10 minuti per gli iscritti all’Associazione e/o al PRNTT e 5 minuti per i non iscritti. Superato il tempo previsto la Presidenza può togliere la parola. 
4. Le iscrizioni a parlare devono essere presentate personalmente alla Segreteria di Presidenza nei termini di tempo previsti dall’Ordine dei lavori. 
5. Partecipano alle votazioni i congressisti presenti fisicamente o in collegamento telematico in regola con l’iscrizione versata per l’anno 2017. 
6. Le proposte di modifica dello Statuto devono essere presentate per iscritto alla Segreteria di Presidenza, entro la scadenza fissata dall’Ordine dei lavori, e devono essere sottoscritte da almeno 1 decimo degli iscritti presenti nell’orario fissato per l’inizio della presentazione dei documenti congressuali. Il suddetto quorum sarà accertato e comunicato all’Assemblea dalla Presidenza. 
Le proposte di modifica dello Statuto possono essere illustrate da uno dei presentatori per non più di 4 minuti. 
Eventuali emendamenti alle proposte di modifica dello Statuto devono essere sottoscritti da un numero di congressisti pari alla metà almeno del quorum stabilito per la presentazione di proposte di modifica dello Statuto, e vanno presentati per iscritto alla Segreteria di Presidenza. 
Qualora gli emendamenti alle proposte di modifica dello Statuto non fossero accolti dai presentatori delle stesse, la Presidenza dà la parola per l’illustrazione a uno dei presentatori dell’emendamento per la durata massima di 2 minuti. Su ciascuno di essi la Presidenza ammette una dichiarazione di voto favorevole e una contraria della durata massima di 1 minuto. 
Esaurita la votazione degli emendamenti, la Presidenza procede alla votazione delle proposte di modifica dello Statuto dando la parola per un massimo di una dichiarazione di voto favorevole e una contraria, della durata di non oltre 3 minuti ciascuna. 
Le proposte di modifica dello Statuto sono approvate, in accordo con l’Art. 7 dello Statuto, con votazioni a maggioranza dei 2/3 dei presenti. Si intendono partecipanti al voto quanti esprimono voto favorevole o contrario. 
7. Le Mozioni generali vanno presentate per iscritto alla Segreteria di Presidenza entro la scadenza fissata dall’ordine dei lavori e devono essere sottoscritte da almeno un decimo dei congressisti presenti nell’orario fissato per l’inizio della presentazione dei documenti congressuali. Il suddetto quorum sarà accertato e comunicato all’Assemblea dalla Presidenza. Ciascun partecipante non può presentare o sottoscrivere più di una Mozione generale. 
Ciascuna Mozione generale può essere illustrata da uno dei presentatori per un limite massimo di 4 minuti. 
Eventuali emendamenti alla Mozione generale sono posti in discussione e votazione con le medesime modalità stabilite per gli emendamenti alle proposte di Mozione Particolare. 
Esaurita la votazione degli emendamenti, la Presidenza procede alla votazione della Mozione generale dando la parola per un massimo di due dichiarazioni di voto favorevoli e due contrarie per ciascuna mozione generale presentata, della durata di non oltre 3 minuti ciascuna. 
La mozione generale è approvata a maggioranza dei partecipanti al voto. Si intendono partecipanti al voto quanti esprimono voto favorevole o contrario. 
8. Le Mozioni particolari vanno presentate per iscritto alla Segreteria di Presidenza entro la scadenza fissata dall’ordine dei lavori e devono essere sottoscritte da almeno 1 congressista presenti nell’orario fissato per l’inizio della presentazione dei documenti congressuali. 
Ciascuna Mozione particolare può essere illustrata da uno dei presentatori per un limite massimo di 3 minuti. 
Eventuali emendamenti alle mozioni particolari sono posti in discussione e votazione con le medesime modalità stabilite per gli emendamenti alle proposte di modifica dello Statuto. 
Esaurita la votazione degli emendamenti, la Presidenza procede alla votazione delle Mozioni particolari dando la parola per un massimo di una dichiarazione di voto favorevole e una contraria per ciascuna mozione presentata, della durata di non oltre 2 minuti ciascuna. 
Le Mozioni particolari sono approvate a maggioranza dei partecipanti al voto. Si intendono partecipanti al voto quanti esprimono voto favorevole o contrario. 
9. Gli organi sono eletti a voto palese. A ciascuna carica può essere candidato o candidarsi qualunque iscritto presente. Non è ammesso il voto per delega. 
10. Gli organi provvederanno a pubblicare sul sito e sui social media dell’Associazione tutte le deliberazioni dell’Assemblea.